spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Auto, l’allarme di Confartigianato Firenze: “Crollo delle vendite, meno 30%”

    "Il mercato non esiste più - dice l'associazione - Il Covid ha creato enormi problemi nelle vendite e quelle poche auto che vendiamo magari arrivano in ritardo"

    FIRENZE – “Il mercato delle auto è in grande crisi, il Governo ha sottovalutato il problema e ora dovrebbe porre rimedio. In Toscana, per l’inizio del 2022, abbiamo avuto un -30% di vendite”.

    E’ quanto emerge dalle indagini che ha fatto Confartigianato Imprese Firenze tra i propri soci del settore auto, comparto che sta vivendo un momento di difficoltà.

    Il 2022 non è partito bene: a gennaio, in Italia, sono state immatricolate 107.814 auto, con un calo del 19,7% rispetto allo stesso mese del 2021 e del 34,8% rispetto al 2019.

    “Il mercato non esiste più – si sottolinea da Confartigianato – Il Covid ha creato enormi problemi nelle vendite e quelle poche auto che vendiamo magari arrivano in ritardo”.

    “I clienti non sono soddisfatti – proseguono – neanche a livello economico: il Governo deve proporre incentivi seri, come è stato fatto per il bonus casa”.

    “Servono vantaggi fiscali a tutto tondo – incalzano – non solo sulla rottamazione ma anche sull’acquisto della nuova vettura, altrimenti sarà difficile andare avanti. La situazione è peggiore rispetto a quello che viene descritto”.

    Secondo il segretario generale di Confartigianato Jacopo Ferretti “è necessario un cambio di passo per aiutare un settore che storicamente ha dato sempre tanto all’Italia”.

    “La ripresa economica del Paese passa anche dalle auto – conclude Ferretti – chiediamo al Governo di attivarsi per poter venire incontro ai lavoratori e anche ai clienti. Sono sicuro che queste richieste non rimarranno inascoltate”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...