spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Camperistica: lunedì 2 maggio attivo unitario delegati Fim-Fiom-Uilm a Poggibonsi 

    Sotto attenzione le difficoltà nell'approvvigionamento delle materie prime e di prodotti intermedi, che rallentano la produzione e mettono a rischio un settore fondamentale per il nostro territorio

    POGGIBONSI – È convocato per lunedì 2 maggio alle ore 9,30, al cinema Politeama di Poggibonsi in piazza Fratelli Rosselli, l’attivo unitario dei delegati e le delegate delle aziende toscane del settore della camperistica.

    Ad aprire i lavori sarà la relazione sul settore di Iuri Campofiloni, responsabile della camperistica per Fiom Cgil Toscana.

    Successivamente seguirà Davide Materazzi, esponente Uilm, poi ci saranno gli interventi dei delegati.

    Concluderà Giuseppe Cesarano, coordinatore della camperistica di Fim Cisl regionale.

    L’obbiettivo dell’attivo è approfondire la situazione attuale del settore. 

    “Che ha visto – dicono i responsabili Fim, Fiom, Uilm Toscana per il settore della camperistica un importante incremento produttivo negli ultimi anni, di circa del 34 % nel 2021, dato il grande aumento della domanda europea per i veicoli ricreazionali a seguito della pandemia”.

    “Dall’altro lato però – rimarcano – la difficoltà nell’approvvigionamento delle materie prime e di prodotti intermedi rallentano la produzione”.

    “Il Chianti fiorentino e senese – ricordano – producono il 90% dei veicoli ricreazionali ed è stimato che coinvolga 8.000 addetti compreso l’indotto”.

    “È importante – concludono – tutelare l’occupazione affrontando unitariamente le criticità attuali e le sfide poste dalla transizione ecologica”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...