spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Caro bollette, Acli Toscana: “Serve intervento immediato a sostegno di famiglie, imprese e terzo settore”

    "Altro percorso da avviare quello che renda i nostri circoli delle realtà sostenibili dal punto di vista ambientale ed energetico"

    FIRENZE – “Il caro bollette sta pesando su famiglie e imprese. Su tutti, anche sui circoli Acli”: a dirlo è il presidente di Acli Toscana Giacomo Martelli.

    “I nostri circoli – dice Martelli – sono un presidio di socialità ed in questo momento stiamo riorganizzando tutte le attività sociali sospese a causa della pandemia. Un forte aumento dei costi mette a rischio quanto stiamo facendo a sostegno delle comunità”.

    “I costi sono diventati molto difficili da sostenere – continua Martelli – È necessario strutturare aiuti immediati che consentano alle famiglie di non aggravare ulteriormente il bilancio familiare, ed imprese ed associazioni come la nostra di poter svolgere la propria funzione sociale”.

    “Un altro versante di intervento sul medio periodo – aggiunge Elena Pampana, vice presidente regionale e responsabile dello sviluppo associativo delle Acli Toscane – è quello di avviare un percorso che renda i nostri circoli delle realtà sostenibili dal punto di vista ambientale ed energetico”.

    “Su questo – conclude – stiamo avviando un percorso che mira a coinvolgere tutti il territorio regionale, ma che rischia di non essere pienamente realizzato in assenza di incentivi e di supporto anche delle istituzioni”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...