spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Cinghiali abbattuti dagli agricoltori come ristoro per i danni”: la soddisfazione di Coldiretti

    "Così gli agricoltori muniti di tesserino venatorio possono ancora meglio intervenire direttamente per difendere le coltivazioni dagli attacchi di cinghiali, storni, piccioni e nutrie"

    FIRENZE – “I cinghiali abbattuti dagli agricoltori sul proprio terreno così come previsto dalla legge 3/94, in assenza di un centro di sosta all’interno dell’ATC, potranno essere utilizzati per rifondere i danni provocati o per rimborsare i costi sostenuti per l’intervento”.

    Lo ha precisato la direzione regionale sviluppo rurale “che – dice Coldiretti Toscana – ha finalmente chiarito un altro aspetto che ha reso, fino a qui, complicata l’attuazione della legge regionale approvata su proposta della vicepresidente Stefania Saccardi“.

    Lo rende noto l’associazione agricola che esprime “soddisfazione per un chiarimento che consentirà di rendere esecutiva, sui territori, la possibilità per gli agricoltori muniti di tesserino venatorio di intervenire direttamente per difendere le coltivazioni dagli attacchi di cinghiali, storni, piccioni e nutrie”.

    “Il chiarimento della Regione Toscana – dice Coldiretti – non lascia spazio ad equivoci: nel caso in cui non sia stato istituito il Centro di Sosta (CdS) all’interno dell’ATC o comunque in caso di impossibilità a ricevere, possono seguire quanto previsto dall’art. 37 al comma 6 ter”.

    “Cioè – aggiunge – possono essere utilizzati per rifondere i danni provocati o per rimborsare i costi sostenuti per l’intervento, destinandoli al soggetto che ha effettuato l’abbattimento”.

    Dovrà essere in ogni caso tenuta traccia della destinazione dei capi.

    “Il chiarimento fuga ulteriori motivazioni che hanno reso fino a qui sterile una legge che punta a tutelare agricoltura e comunità” spiega Fabrizio Filippi, presidente Coldiretti Toscana.

    “La legge – ricorda – prevede che la gestione post-abbattimento del cinghiale sia in capo alle ATC attraverso l’attivazione dei centri di sosta”.

    “Laddove però non sono stati attivati o non sono presenti – conclude – potranno essere direttamente i proprietari o conduttori dei fondi a gestire i capi abbattuti. E’ un bel passo in avanti”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...