spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Circoli, Acli Toscana: “Nel 2021 soci in crescita. Il sistema ha retto”

    Il bilancio fatto da Elena Pampana, vicepresidente regionale Acli Toscana con delega allo sviluppo associativo

    FIRENZE – “Nonostante la pandemia il 2021 è stato un anno positivo. Abbiamo registrato un aumento del tesseramento: a dicembre 2020 i soci erano 18 mila mentre adesso i soci sono 20 mila. Sono aumentati anche i circoli: adesso i circoli Acli della Toscana sono 205, contro i 200 dell’anno scorso”.

    E’ il bilancio fatto da Elena Pampana, vicepresidente regionale Acli Toscana con delega allo sviluppo associativo.

    “Da qualche anno i numeri erano in calo – ha aggiunto – con l’inizio della pandemia c’era stato un tracollo, invece nel 2021 ci sono stati confortanti segnali di ripresa”.

    “Questo – ha sottolineato – significa che il sistema nel suo complesso ha retto nonostante il momento difficile per chi, come noi, si occupa di promozione e ricreazione sociale. I circoli Acli sono riusciti a ripartire in sicurezza con attività e servizi”.

    “Il 2022 sarà l’anno in cui ci dedicheremo alla ricostruzione – ha proseguito il presidente di Acli Toscana Giacomo Martelli – Questi dati del 2021 sono incoraggianti, ci spingono a poter guardare al futuro con maggiore positività”.

    “Confidiamo che la pandemia termini – ha concluso – ma dobbiamo fin da subito metterci a servizio delle comunità per dare il nostro contributo alla ricostruzione di quei legami sociali che il Covid ha distrutto: dopo, sono convinto, sarà ancora più piacevole frequentare i nostri circoli e recuperare la socialità che abbiamo messo in pausa in questo periodo”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...