spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Città Metropolitana, continuano gli interventi di salvataggio di pesci nella Pesa in secca

    Fauna ittica in estrema difficoltà spostata dalla traversa dei Capitani, dalla traversa degli Elmi e dai pettini della cassa di espansione di Turbone in acque a monte più ricche di ossigeno

    FIRENZE – Col coordinamento di Regione Toscana e i mezzi della polizia provinciale sono stati effettuati in questi giorni tre interventi di salvataggio di fauna ittica.

    I pesci intrappolati in specchi d’acqua in secca sono stati spostati in bassa val di Pesa tra i Comuni di Montelupo Fiorentino e Lastra a Signa.

    All’origine della situazione nei torrenti anche gli eccessivi prelievi di acqua, insostenibili per l’ambiente naturale.

    Pesce in estrema difficoltà è stato trovato alla traversa dei Capitani, alla traversa degli Elmi, ai pettini della cassa di espansione di Turbone, ed è stato è stato prelevato e spostato più a monte dove, grazie alla realizzazione di alcune briglie “pool & riffle”, è ancora presente il deflusso ecologico.

    All’intervento hanno partecipato volontari amici della Pesa, FIPSAS, e alcuni firmatari del contratto di fiume, Annamaria Nocita, Vivascienza, Amici della Pesca, Fotolupo.

    Da segnalare che il Contratto di Fiume della Pesa rientra nel Piano Strategico Metropolitano.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...