spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Clamoroso sequestro di droga fra Poggibonsi e Colle Val d’Elsa: oltre 40 kg di stupefacenti

    Cocaina, hashish, marijuana, metadone, barbiturici e chetamina; 14 kg di sostanza da taglio, taniche di acetone. Arrestato 39enne (che ha cercato di fuggire, ferendosi)

    VAL D’ELSA – Super sequestro di droga nella Val d’Elsa senese: i carabinieri della Compagnia di Poggibonsi hanno arrestato, in flagranza di reato, un 39enne straniero, residente a Poggibonsi, per detenzione di un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti. Nonché per la detenzione di una pistola con matricola abrasa.

    L’operazione, maturata nel contesto di una servizio di controllo del territorio della Stazione di Colle Val d’Elsa, ha portato i militari dell’Arma ad essere informati della presenza di un magazzino per lo stoccaggio di sostanze stupefacenti in un appartamento situato nella campagna tra il comune Colle di Val d’Elsa e quello di Poggibonsi.

    Dopo i primi accertamenti, nella mattinata del 13 ottobre scorso i carabinieri della Compagnia di Poggibonsi hanno organizzato la maxi operazione.

    Che ha visto la partecipazione corale di oltre 30 unità tra il personale della Stazione di Colle di Val d’Elsa e quello della Compagnia poggibonsese, con uomini e donne del locale Nucleo Operativo e Radiomobile.

    L’area dell’abitazione sospetta è stata cinturata dagli uomini dell’Arma, con servizi di osservazione lungo la strada che conduceva all’appartamento.

    Alle 16 circa è scattato il blitz, dopo aver avvistato un furgone, con a bordo il 39enne, che si è diretto nell’appartamento sospettato di essere un magazzino di stoccaggio degli stupefacenti.

    Alla vista dei carabinieri il sospettato ha immediatamente tentato la fuga.

    Ne è nato un rocambolesco inseguimento a piedi che è terminato con il disperato tentativo di scappare – vistosi circondato – attraverso un salto nel vuoto: un dirupo, in zona boschiva, di diversi metri, culminante in un’area fittamente ricoperta di vegetazione.

    Dopo l’impatto il fuggitivo è rimasto a terra per le ferite riportate, venendo poi comunque raggiunto dai militari dell’Arma, che lo hanno soccorso con il supporto del 118 e portato presso il pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria alle Scotte di Siena.

    All’interno dell’appartamento i carabinieri si sono trovati davanti a quello che, secondo l’ipotesi accusatoria, potrebbe essere un vero e proprio deposito di stoccaggio, nonché un laboratorio per la preparazione, il taglio e lo smercio di stupefacenti.

    Oltre 40 chilogrammi di sostanze tra cocaina, hashish, marijuana, metadone, barbiturici e chetamina, con anche 14 chilogrammi di sostanza da taglio, 14 taniche di acetone, bilancino di precisione e pressa in metallo.

    Si tratta di uno dei sequestri di sostanze stupefacenti più rilevanti, sia in termini quantitativi che qualitativi, operato dai carabinieri nell’area della Valdelsa senese.

    Sempre all’interno dell’abitazione i militari hanno rinvenuto una pistola semiautomatica calibro 9×21, con matricola abrasa, e due caricatori con 30 cartucce.

    Lo stupefacente sequestrato, se immesso sul mercato al dettaglio, avrebbe potuto fruttare un valore di diversi milioni di euro.

    L’uomo è stato arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e detenzione di arma clandestina, venendo denunciato contestualmente per ricettazione.

    L’arrestato è stato dapprima piantonato per 18 ore presso l’ospedale e, successivamente, tradotto presso la casa circondariale di Siena, a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siena.

    A seguito dell’udienza di convalida, tenutasi lo scorso 16 ottobre, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Siena ne ha convalidato l’arresto: disponendo la misura cautelare della custodia in carcere, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...