spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Confesercenti Toscana: “Ripresa turismo, 700mila pernottamenti stimati nell’ultimo week end di luglio”

    "Prenotato l'89% della disponibilità online di tutta la regione. Si consolida la ripresa nelle città/centri d'arte. Trend positivo per le aree rurali e di collina"

    FIRENZE – “Turismo in ripresa in Toscana. Le tendenze rilevate durante i mesi di giugno e luglio hanno confermato le previsioni di una robusta risalita della domanda, anche se in qualche realtà della regione il movimento dei turisti si è intensificato soprattutto nel corso del fine settimana. Stimati oltre 700mila pernottamenti per il weekend di fine luglio-inizio agosto, che coincide con il primo esodo verso le località di vacanza”.

    A dichiararlo è Confesercenti Toscana sulla base dei dati elaborati dal CTS – Centro Studi Turistici.

    “Si tratta di numeri importanti per la nostra regione dopo il calo vertiginoso di presenze avuto negli ultimi due anni a causa della pandemia – afferma Nico Gronchi, presidente di Confesercenti Toscana – Nonostante i rincari che gravano sulle tasche dei toscani e degli italiani, tra cui l’aumento dell’inflazione, il caro bollette ed il caro carburante, dovuti anche alla complessa situazione internazionale data dalla guerra in Ucraina, il settore turistico sta vivendo un’estate in ripresa, grazie anche al turismo estero che continua a premiare la Toscana, facendo registrare un trend positivo non solo nelle località di mare e nelle città d’arte, ma anche nelle aree rurali ed in collina”.

    “Alcune incertezze e criticità presenti sono legate alla situazione dei voli aerei – prosegue Gronchi – e per avere un dato certo sulla tendenza positiva dovremo aspettare i flussi turistici di settembre per confermare l’effettiva ripresa del settore”.

    Questi gli scenari che emergono dall’ultima indagine sulla disponibilità di camere nelle principali piattaforme online, che ha rilevato la saturazione dell’offerta ricettiva disponibile online per l’ultimo week end di luglio (dal 29 al 31, due notti).

    In questi giorni spostamenti più consistenti verso le località della costa dove i tassi di saturazione hanno raggiunto valori medi del 94%.

    Ottime aspettative anche per le strutture delle località collinari e rurali della regione (91%), capaci di intercettare ormai un sottoinsieme variegato di target: dall’ecoturista all’outdoor, dal lifestyle light green al culturale, dal relax a contatto con le comunità locali ai prodotti tipici e l’enogastronomia.

    Un aumento delle prenotazioni è stato registrato anche nelle città/centri d’arte con l’88% di occupazione media della disponibilità complessiva dei portali. Invece, un minor dinamismo delle prenotazioni è stato rilevato per le località termali.

    Tipologia turistica, % occupazione al 27/7/2022

    Città d’arte: 88%

    Aree rurali e di collina: 91%

    Balneare: 94%

    Aree di montagna: 82%

    Località termali: 79%

    Il livello di saturazione delle strutture ricettive online rilevato per alcune delle principali aree regionali conferma l’impennata della domanda verso le località costiere.

    96% di saturazione della diponibilità per la Costa della Maremma e 94% per l’Isola d’Elba e la Versilia, 92% per la Costa Apuana. Il Chianti sale al 92% e la Val d’Orcia si ferma al 79%.

    Area regionale % occupazione al 27/7/2022

    Chianti: 92%

    Versilia: 94%

    Val d’Orcia: 79%

    Costa della Maremma: 96%

    Val di Chiana: 85%

    Costa degli Etruschi: 92%

    Valdelsa: 89%

    Isola d’Elba: 94%

    Mugello: 80%

    Lunigiana: 89%

    Garfagnana: 90%

    Valdarno: 86%

    Costa Apuana: 92%

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...