spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Contraffazione: la guardia di Finanza ricostruisce la “filiera” del falso, con sequestri per un milione di euro

    Associazione a delinquere internazionale finalizzata alla contraffazione. Oltre 40 gli indagati e 9 le misure cautelari eseguite

    FIRENZE – I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Firenze hanno dato esecuzione ad un’ordinanza relativa a tre obblighi di dimora e sei obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria, disposta dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Firenze su richiesta della locale Procura della Repubblica ed emessa nei confronti di 9 persone per il delitto di associazione per delinquere a carattere internazionale, finalizzata alla produzione, commercializzazione e ricettazione di prodotti di pelletteria recanti marchi contraffatti.

    Le misure sono state eseguite all’esito di una complessa attività d’indagine in materia di contraffazione internazionale, svolta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria Firenze tra il 2016 ed il 2019.

    E che, sotto il coordinamento dei Sostituti Procuratori Giuseppe Ledda e Giulio Monferini, ha consentito di disarticolare un’organizzazione, avente base operativa nella provincia di Firenze ma operante anche a livello internazionale, dedita alla produzione e commercializzazione di articoli di pelletteria contraffatti, recanti noti marchi industriali (tra cui, Armani, Balenciaga, Celine, Diesel, Fendi, Givenchy, Gucci, Luis Vuitton, Pandora, Prada, Trussardi, Yves Saint Laurent).

    Mediante alcune aziende dell’hinterland fiorentino, pratese e dell’empolese, l’organizzazione provvedeva a tutte le fasi produttive e commerciali, dalla fornitura delle materie prime, fino alla commercializzazione dei capi ed accessori contraffatti, effettuata tramite buyers esperti in grado di immettere i prodotti su mercati primari internazionali attraverso anche il canale del commercio elettronico.

    Nel corso delle indagini, che hanno permesso di ricostruire l’intera “filiera del falso”, sono stati effettuati numerosi sequestri di migliaia di capi ed accessori contraffatti, per un valore commerciale di circa 1 milione di euro, e, all’esito, sono stati segnalati all’autorità giudiziaria competente 47 soggetti, implicati a vario titolo nell’attività illecita.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...