spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Cgil toscana: “Troppe aziende chiedono di continuare a produrre”

    La segretaria Dalida Angelini: "Troppi gli imprenditori che passano sopra alla sicurezza dei lavoratori"

    FIRENZE – "Sono circa 7.000, ad ora, le richieste, secondo i dati non ancora definitivi che arrivano dalle Camere del Lavoro, di deroga al blocco della produzione inviate alle prefetture da aziende che autocertificano la loro produzione essere, in tutto o in parte, collegata a settori essenziali e che quindi non possono fermarsi. Anche al netto di qualche domanda arrivata da chi, operando in settori essenziali, ha sentito il bisogno di una rassicurazione prefettizia, sono tante, sono troppe".

     

    A dirlo è Dalida Angelini, segretaria generale della Cgil Toscana: "Sono troppe – riprende – le aziende che fanno finta di non capire che il virus si combatte riducendo al limite del possibile le occasioni di contatto".

     

    "Dopo il Protocollo generale firmato con il governo – dice ancora – gli accordi di categoria e le linee guida concertare con la Regione Toscana sono troppi gli imprenditori che per non perdere un vantaggio competitivo passano sopra alla sicurezza dei lavoratori, dei loro familiari e di tutti, loro compresi".

     

    "La Cgil – annuncia – nei vari territori, in queste ore e nei nei prossimi giorni, mette a disposizione delle prefetture (a cui il decreto del governo ha affidato il compito di decidere sulle riaperture) la propria conoscenza dei settori produttivi e del mondo del lavoro per dare una mano a capire se le motivazioni-giustificazioni addotte dalle imprese sono oggettive o sono al contrario solo un modo per aggirare il blocco destinato a proseguire oltre il 3 aprile".

     

    "Il tutto – conclude – senza rallentare di un niente l’impegno a ché nei luoghi di lavoro in attività siamo garantite le condizioni di sicurezza dei lavoratori". 

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...