spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Day surgery al Palagi: collaborazione tra Meyer e Asl Toscana Centro per abbattere le liste di attesa

    Per interventi sui bambini, come l'asportazione del varicocele, lo strabismo, la riparazione delle ernie inguinali e altra casistica di chirurgia minore

    FIRENZE – Una collaborazione tra l’AOU Meyer Irccs e la Asl Toscana Centro per lo svolgimento dell’attività chirurgica in day surgery da parte del personale del pediatrico fiorentino presso i locali del presidio ospedaliero “Piero Palagi” (ex IOT).

    La procedura, che ha preso il via oggi, è stata ideata per abbattere le liste di attesa per tutti quegli interventi programmati considerati di minore complessità clinica.

    Tra gli interventi che potranno essere eseguiti nelle sale del complesso posto sulla collina che porta al piazzale Michelangelo, ci saranno, nella fase iniziale, l’asportazione del varicocele, lo strabismo, la riparazione delle ernie inguinali e altra casistica di chirurgia minore.

    Potranno rientrare nel percorso soltanto i bambini in ottimo stato di salute, selezionati sulla base di rigorosi criteri.

    Ad occuparsi di loro, come detto, sarà il personale del Meyer: chirurghi, anestesisti, infermieri e operatori socio-sanitari.

    Due giorni alla settimana. Per due giorni alla settimana, il lunedì e il mercoledì, il presidio ospedaliero “Palagi” metterà a disposizione del Meyer una sala operatoria mattutina e sei posti letto in reparto Day Surgery che resteranno a disposizione per tutta la giornata in modo da controllare che il decorso post operatorio proceda nel migliore dei modi.

    A disposizione dei piccoli e dei loro genitori, ci saranno tre stanze a due letti, dotate di due bagni dedicati adiacenti.

    Al reparto di degenza accederà il paziente con un accompagnatore: entrambi con tampone Covid eseguito e negativo.

     “Questa iniziativa – commenta il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani – valorizza due elementi di valore del nostro sistema sanitario pubblico: le eccellenze e specializzazioni avanzate, che ci sono, numerose, e sono alte, e la capacità di fare squadra. Senza rinunciare alle prime ed utilizzando la seconda come metodo pensiamo di ottenere un buon risultato in questo caso nell’abbattimento e riduzione delle liste di attesa”.

    “Questo accordo – spiega Paolo Morello, direttore generale dell’AOU Meyer Irccs – ci permetterà di ridurre i tempi di attesa per tutti quei piccoli interventi che non necessitano di una elevata complessità clinica, ma che richiedono comunque la competenza specifica in ambito pediatrico maturata dal personale del Meyer. Allo stesso tempo, questo consentirà al pediatrico fiorentino di concentrarsi sugli interventi di maggiore complessità”.

    “Per la AslToscana Centro – dichiara Valerio Mari, direttore generale della Asl TC – questa collaborazione rappresenta un’occasione per fare sistema con le altre Aziende del Servizio Sanitario Regionale, permettendo il continuo sviluppo di un’offerta congiunta di percorsi sanitari”.

    “Inoltre – conclude – questo progetto va nella direzione di sfruttare al massimo tutti i nodi della nostra rete ospedaliera, permettendoci di differenziare i vari setting: chirurgia ordinaria, one day surgery, chirurgia ambulatoriale semplice e complessa”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...