spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Don Luigi Ciotti visita il Meyer. I doni dei bambini ricoverati

    Ad accoglierlo la stima e l’affetto degli operatori del Meyer e di tante famiglie che lo hanno ringraziato per il suo impegno a favore dei più deboli e contro le mafie

    FIRENZE – Nella mattinata di giovedì 19 agosto Don Luigi Ciotti ha visitato il Meyer.

    Accompagnato dal Direttore generale Alberto Zanobini, il sacerdote che ha fondato il Gruppo Abele e l’Associazione Libera ha avuto modo di conoscere da vicino alcuni degli spazi più significativi dell’Ospedale pediatrico fiorentino: dallo Spazio dello spirito alla pediatria, dalla terapia intensiva neonatale ai laboratori. 

    Ad accogliere Don Ciotti e la sua inesauribile energia, la stima e l’affetto degli operatori del Meyer e di tante famiglie che lo hanno ringraziato per il suo impegno a favore dei più deboli e contro le mafie. 

    I bambini ricoverati, sotto la guida degli operatori della ludoteca, hanno preparato per Don Ciotti un dono graditissimo: una mongolfiera con un articolo della Carta dei diritti
    del bambino in ospedale e una melanzana coltivata nell’ortogiardino. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...