spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il 3 novembre codice giallo per temporali e rischio idrogeologico a nord ovest della Toscana

    Nuova perturbazione in transito con piogge sparse a partire dai settori nord ovest in estensione al resto della regione

    FIRENZE – Domani, mercoledì 3 novembre, nuova perturbazione in transito con piogge sparse a partire dai settori nord ovest in estensione al resto della regione.

    Il bollettino emesso dalla Sala operativa della protezione civile regionale segnala codice giallo il 3 novembre  per temporali anche forti soprattutto a  nord ovest della Toscana e per rischio idrogeologico-idraulico del reticolo minore sempre a nord ovest della regione.

    Lo stato di vigilanza scatta dalle 7 di domani 3 novembre fio alla mezzanotte sempre di domani 3 novembre.

    Sono previste comunque precipitazioni sparse anche nel resto della Toscana con possibili eventi temporaleschi.

    Per la giornata di oggi  il bollettino rileva un temporaneo miglioramento, ma fino a stasera si prevedono ancora  forti raffiche di Libeccio/Ponente sulla costa centro-settentrionale e sottovento all’Appennino  e in Valtiberina.

    Sui rilievi raffiche fino a 60/70 chilometri all’ora e, in pianura, fino a 50/60 chilometri orari.

    Mare agitato fino al tardo pomeriggio di oggi a nord dell’Elba, mentre per domani mercoledì, mare molto mosso dal pomeriggio a sud dell’Elba

    Ulteriori dettagli e consigli sui comportamenti da adottare, a seconda del rischio, si trovano all’interno della sezione “Allerta meteo” del sito della Regione Toscana, accessibile dall’indirizzo http://www.regione.toscana.it/allertameteo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...