spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Maggiore Margherita Anzini è il nuovo comandante della Compagnia carabinieri di Firenze

    Quarantaduenne, originaria di Reggio Calabria, ha intrapreso la carriera militare nel 2002- Alle sue spalle già molte esperienze di comando

    FIRENZE – Il Maggiore Margherita Anzini, quarantaduenne originaria di Reggio Calabria, è il nuovo comandante della Compagnia carabinieri di Firenze.

    L’ufficiale ha intrapreso la carriera militare nel 2002, frequentando la Scuola Allievi Marescialli dei carabinieri, per poi proseguire i suoi studi presso l’Accademia Militare di Modena e la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma.

    Laureata in Giurisprudenza ed in Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna all’Università degli studi di Roma Tor Vergata, nonché in Scienze Politiche – Operatore della Sicurezza e del Controllo Sociale all’Università degli studi di Bologna, dopo un’esperienza da sottufficiale presso la Stazione carabinieri di Termini Imerese, da ufficiale ha ricoperto diversi incarichi presso l’organizzazione territoriale dell’Arma.

    È, infatti, stata comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castel Gandolfo, comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Anzio, comandante della Tenenza di Guidonia, comandante del Comando Roma-Piazza Venezia ed, infine, comandante della Compagnia Carabinieri di Terracina.

    Al termine di questa esperienza operativa, il Maggiore Anzini è approdata nuovamente alla Scuola Ufficiali di Roma, questa volta nelle vesti di comandante di Sezione ed insegnante.

    Dove per quattro anni si è occupata della formazione dei giovani ufficiali che, come lei, al termine del loro percorso didattico-addestrativo, metteranno le competenze acquisite al servizio della collettività.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...