spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Incendio Eco-Gest di Poggibonsi, avviate da Arpat le verifiche ambientali

    Verranno valutati lo stato del sito e le misure di messa in sicurezza poste in essere dalla ditta. In corso campionamenti nel fosso Drove

    POGGIBONSI – Tecnici Arpat di nuovo al lavoro presso l’impianto di gestione rifiuti Eco-Gest in località San Giorgio, a Poggibonsi, dopo l’incendio che lo ha interessato due giorni fa.

    Verranno valutati lo stato del sito e le misure di messa in sicurezza poste in essere dalla ditta.

    Gli stessi tecnici Arpat hanno provveduto ad effettuare campionamenti di matrici ambientali nelle aree di maggiore ricaduta delle sostanze che si sono prodotte nel corso dell’incendio.

    Indagini che hanno riguardato anche il torrente Drove, dove sono state segnalate acque rossastre e schiume.

    I risultati saranno resi noti da Arpat entro una decina di giorni.

    “Stiamo monitorando la situazione dell’impianto”, ha detto l’assessora regionale all’ambiente Monia Monni.

    “Arpat – prosegue Monni – sta svolgendo campionature sui terreni e nelle acque del fosso Drove, al fine di verificare la presenza di inquinanti”.

    “Mi sono messa in contatto con il vicesindaco di Poggibonsi – fa sapere ancora Monni – Nicola Berti, assicurandogli piena collaborazione da parte della Regione”.

    “Per mettere in campo – conclude – tutte le azioni necessarie per garantire la massima tutela della salute e dell’ambiente”.

    Allo stesso tempo, ricordiamo che è ancora in vigore l’ordinanza del Comune di Poggibonsi che prevede misure cautelative da mettere in atto da parte di chi vive nel raggio di 300 metri dall’area dell’incendio (leggi qui).

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...