spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 16 Gennaio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le “magnifiche 7” di Generazione Sangiovese: nasce un gruppo di aziende con, al centro, il vitigno

    Presentato ufficialmente a Firenze, ne fanno parte produttori di varie zone della Toscana. Due sono del nostro territorio (San Casciano e Castellina in Chianti)

    FIRENZE – Generazione Sangiovese è, si legge nella sua presentazione, “il primo movimento, fortemente voluto da vignaioli e proprietari di aziende vinicole delle colline toscane, volto a promuovere la cultura del vino toscano, artigianale e autentico. Un vino che nasce da competenza, esperienza e passione, figlio di una cultura tramandata nelle singole famiglie toscane, di generazione in generazione, e valorizzata da questo nuovo progetto”.

    Sette aziende vitivinicole collocate in zone molto diverse (due anche nel nostro territorio, a Castellina in Chianti e San Casciano), con un grande denominatore comune: la coltivazione del nobile vitigno a bacca rossa, che della Toscana rappresenta l’essenza – oltre a essere l’uva principe dei blend più celebri della regione.

    Forti di questo know how, le realtà vinicole di Generazione Sangiovese hanno deciso di unirsi “per preservare – dicono – il valore del vitigno toscano a dispetto dell’omologazione chimica e tecnologica che il Sangiovese sta subendo nel mondo agricolo, a causa di una viticoltura industrializzata sempre più invadente e svilente. Un’unione che non toglie però forza alle singole produzioni, anzi, la accentua, valorizzandone artigianalità e particolarità”.

    Per “promuovere cultura e conoscenza del vino toscano, in particolare del Sangiovese, ponendo l’accento su tradizioni e valori intrinsechi”.

    Il movimento accomuna produttori vitivinicoli impegnati a tramandare da generazione in generazione lavoro, memorie, tradizioni e passioni di vigna.

    Tutti i proprietari vitivinicoli che fanno parte dell’associazione vivono in prima persona la quotidianità e la filosofia della propria azienda.

    Generazione Sangiovese, con le sue sette aziende fondatrici, si è presentato lunedì scorso al ristorante Baldovino, a Firenze, portando in degustazione alcuni dei migliori prodotti delle sette cantine.

    LE AZIENDE DI GENERAZIONE SANGIOVESE

    Il Poderino (Castellina in Chianti)

    A metà strada tra Siena e Castellina in Chianti, Il Poderino è un’azienda agricola a conduzione familiare che appartiene alla famiglia Barucci dalla fine del 1800.

    L’azienda, con una superficie di circa 9 ettari, è la più piccola della zona: 3 ettari di vigneti, 3 ettari di oliveti e i restanti ad area boschiva.

    L’attuale proprietaria, Elena Barucci, circa venti anni fa ha dato inizio ad una radicale ristrutturazione dell’azienda, impiantando nuovi vigneti, ampliando gli oliveti già esistenti, costruendo la nuova cantina e realizzando tre appartamenti destinati ad attività agrituristica.

    “Sono Elena Barucci, vivo a Monteriggioni e di professione faccio la vignaiola. Conduco personalmente la mia piccola azienda che si trova a metà strada tra Siena e Castellina in Chianti, che appartiene alla mia famiglia dalla fine del 1800.

    Amo incondizionatamente la mia azienda, curo personalmente le mie vigne ed i miei oliveti e seguo l’imbottigliamento e la commercializzazione dei miei prodotti. Credo fortemente in quello che faccio , rispettando il territorio e mi impegno ogni giorno a custodirlo”.

    Poggiagrilli (Certaldo)

    L’azienda agricola Poggiagrilli si trova nel Comune di Certaldo. Una zona caratterizzata da una giacitura collinare e una tessitura di medio impasto eccellente per ottenere vini di ottima qualità.

    È gestita da Giacomo e Rolando Lucii, che controllano personalmente l’intera filiera produttiva: dalle lavorazioni colturali in campo alla trasformazione del prodotto e alla commercializzazione.

    L’azienda momentaneamente si estende su una superficie di quasi 30 ettari; occupati in modo particolare da vigneti e oliveti.

    “Sono Giacomo Lucii vivo a Certaldo e di professione faccio il vignaiolo. Sono il titolare dell’azienda Agricola Poggiagrilli che mi è stata tramandata dalla mia famiglia insieme alla passione per la terra e per questo lavoro.

    Pazienza, cura giornaliera delle mie vigne, tenacia per affrontare le difficoltà, sacrifici per arrivare ad ottenere i vini che vorrei farvi assaggiare, questo è quello che faccio.

    Sono vignaiolo perché questo non è solo un lavoro, non è solo una “cosa vuoi fare da grande” ma una parte di me. Essere vignaiolo è la mia identità”.

    Val di Lago (Montevarchi)

    L’azienda agricola Val di Lago, nel comune di Montevarchi, deriva dall’azienda agricola Mancini, dove si produce vino da tre generazioni.

    Una passione innata per il vino è stata lo stimolo che ha animato la selezione di vigneti in terreni altamente vocati per la vitivinicoltura nel cuore della Toscana.

    Il particolare microclima e l’ideale conformazione del terreno permettono di produrre ottime uve, raccolte solo al raggiungimento di una perfetta maturazione e selezionate con cura per i nostri vini.

    Marco Mancini ha creduto nella grande ricchezza di questa tradizione e l’ha recuperata in chiave moderna, adottando i più innovativi metodi di produzione.

    “Sono Marco Mancini e di professione faccio il vignaiolo. L’azienda agricola Valdilago appartiene alla mia famiglia da tre generazioni e oggi anche mia moglie Samantha, anche lei appassionata di viticoltura e di vino, si è immersa in questa mia realtà professionale.

    Una passione innata per il vino è stata lo stimolo che ha animato la selezione di terreni altamente vocati per la vitivinicoltura. Dai nostri vigneti nel cuore della Toscana produciamo ottime uve e le raccogliamo solo al raggiungimento di una perfetta maturazione, selezionandole con cura per i nostri vini.

    Il vino ce lo abbiamo nel sangue, è passione. È uno stile di vita senza orari e giorni. Cerchiamo di fare sempre la cosa giusta per portare il miglior prodotto in cantina”.

    Fattoria di Terranuova (Terranuova Bracciolini)

    Il centro aziendale ed i terreni della Fattoria Terranuova sono ubicati nelle vicinanze del paese di Terranuova Bracciolini, estendendosi, per 20 ettari di vigneto e una piccola parte di oliveto, fino alle pendici del Pratomagno.

    Il paesaggio dell’azienda, alternato da boschi, appare estremamente suggestivo soprattutto nella parte in cui è delimitato dagli affascinanti “calanchi” o balze che, con la loro particolarità ed imponenza, lo rendono unico.

    I suoi terreni, prevalentemente collinari, di medio impasto e di varia natura, rappresentano l’habitat ideale per la coltivazione della vite e la produzione di uve di qualità, dando così origine ad ottimi vini Igt bianco e rosso, ad un eccellente Chianti Docg, al Vin Santo del Chianti e al pregiato olio extravergine di oliva della zona.

    “Siamo Marco e Giovanna e di professione facciamo i vignaioli. Siamo proprietari della Fattoria Terranuova, nelle vicinanze del paese di Terranuova Bracciolini: 20 ettari di vigneto ed una piccola parte di oliveto che si estende fino alle pendici del Pratomagno.

    Siamo vignaioli per passione, perché crediamo in ciò che facciamo e lottiamo per ciò in cui crediamo, con lo scopo di valorizzare i prodotti del nostro grande territorio. Amiamo i nostri vini perché esprimono al meglio caratteristiche del nostro territorio”.

    La Collina (San Casciano)

    L’azienda agricola La Collina nasce alla fine degli anni ’60 a Montefiridolfi (San Casciano), nel cuore del Chianti Classico, grazie alla passione del viticoltore Riccardo Camiciottoli.

    Che inizia la produzione di vino Gallo Nero, interamente prodotto in azienda, da uve in prevalenza di varietà Sangiovese.

    Da allora l’azienda è rimasta a conduzione familiare e oggi è di proprietà della figlia Ilaria e di suo marito Enrico.

    “Siamo Ilaria e Enrico e di professione facciamo anche i vignaioli. Siamo proprietari dell’azienda agricola La Collina a San Casciano, nel cuore del Chianti Classico, dove produciamo vino da uve in prevalenza di varietà Sangiovese da due generazioni.

    Siamo vignaioli perché abbiamo deciso di continuare la tradizione di famiglia di coltivare l’uva e trasformarla in vino.

    Curiamo la terra anche se a volte è ruvida, perché passeggiare nel nostro vigneto e poter ammirare la luce che filtra tra i grappoli maturi, ricompensa il duro lavoro.

    Lavoriamo in cantina perché il suono del mosto che sussulta nei tini ci dona la sicurezza di un respiro costante che attraverso la svinatura, la sfecciatura e i lunghi travasi, porta alla spillatura dal tino e a quel primo sorso che ci permette di pensare… ce l’abbiamo fatta!”.

    Fattoria di Doccia (Pontassieve)

    La Agricola del Chianti, di cui fa parte dal 1991 l’azienda agricola denominata Fattoria di Doccia, è di proprietà della famiglia Sardelli e ha sede a Pontassieve.

    L’azienda agricola raggruppa, in realtà, tre fattorie: la Fattoria di Doccia, la Fattoria di Pigneto e parte di quella di Tigliano e la Tenuta “I Casali”. L’azienda ha un’estensione di circa 250 ettari con colture prevalenti dedicate alla vite e all’olivo.

    I prodotti sono interamente trasformati al suo interno per la produzione di vino e olio di qualità, rispettivamente, nella cantina e nel frantoio aziendali.

    L’azienda, dopo un periodo di utilizzo dei metodi propri dell’agricoltura integrata seguito da una fase di conversione all’agricoltura biologica, iniziata nel 2000 e terminata nel 2005, è oggi completamente biologica.

    “Siamo la famiglia Sardelli e di professione facciamo anche i vignaioli.

    La nostra Sardelli vanta una grande esperienza e una tradizione consolidata nel settore oleario con la propria azienda Oleificio Sardelli e da oltre 60 anni si fa apprezzare per la qualità dei propri prodotti e l’attenzione e professionalità dedicata alla loro selezione.

    Questa passione per i nostri prodotti e l’amore per il nostro lavoro ci ha spinti a dedicarci anche all’attività agricola acquisendo la Fattoria di Doccia, arricchendo così la nostra esperienza nel settore oleario con la coltivazione delle olive e la produzione diretta dell’olio, oltre a iniziare un’affascinante esperienza anche nel mondo del vino, alla produzione del quale abbiamo applicato la stessa filosofia, passione e dedizione alla qualità che ci ha contraddistinti nel settore olivicolo”.

    Perelli (Bucine)

    L’azienda agricola Perelli nasce 100 anni fa nella campagna bucinese, a cavallo tra le province di Arezzo, Siena, Firenze, nel cuore della Toscana più vera e preziosa.

    Nasce dall’amore di Federico Bindi per la terra e le sue produzioni, i suoi tesori e dalla volontà di creare, intorno alla prima casa colonica, le prime vigne e la prima oliveta, un luogo di produzione soprattutto di olio e di vino.

    “Siamo Sergio e Luciana e di professione facciamo anche i vignaioli. Siamo proprietari dell’azienda agricola Perelli, che nasce circa cento anni fa nella campagna a cavallo tra le province di Arezzo, Siena e Firenze, nel cuore della Toscana più vera e preziosa, dove ancora oggi continuiamo a lavorare gli stessi vitigni coniugando il sapere che ci è stato tramandato alle più moderne tecnologie in campo vitivinicolo.

    Siamo vignaioli entusiasti: il progetto intrapreso dal 2018, l’anno zero di inizio imbottigliamento delle nostre 5 linee di vino, è il risultato dell’armonizzazione di attitudini storiche, sviluppate in 50 anni di esperienza diretta con le nostre anziane e preziose viti, moderna tecnologia e il lavoro di persone qualificate e appassionate che si sono dedicate alla cura e selezione dei soli e migliori vitigni destinati all’imbottigliamento”.

    A “tessere” l’unione fra questi sette produttori (il movimento è aperto anche ad altri ingressi, di aziende che ne condividano spirito e finalità) l’enologo Filippo Mazzorana e Costanza Cuccuini.

    Filippo è un giovane enologo, ma con alle spalle un’esperienza ventennale nel settore vitivinicolo.

    Conoscitore della vite e dei suoi frutti, ha creato il suo bagaglio culturale e professionale partendo dal lavoro in vigna per poi passare a quello di cantina ed infine, dopo la laurea, a quello di enologo.

    Costanza, una farmacista (ha lavorato per alcuni anni anche nella farmacia di Mercatale) con la passione per la chimica, decide con la nascita di Enocofi di impiegare le proprie conoscenze analitiche nell’analisi dei vini e dei mosti.

    Allo scopo di completare e supportare il lavoro di consulenza enologica.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...