spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Miglior Schiacciata alla Fiorentina, 31 forni/pasticcerie in gara: due sono di Cerbaia

    Giovedì 8 febbraio si elegge la migliore dell'area metropolitana: Rigacci e Pimpina sfidano altri 29 concorrenti. Quest'anno a sostegno anche della Fondazione Meyer

    FIRENZE – Giovedì 8 febbraio alle ore 11, presso il ristorante “Da Saba” di Firenze (Centro commerciale San Donato, via Tosi, zona universitaria Firenze) avrà luogo la finale della tredicesima edizione dello storico concorso di pasticceria “La miglior Schiacciata alla Fiorentina”.

    Ovvero il contest di pasticceria più longevo di Firenze, che dal 2007 mette in competizione le schiacciate delle migliori pasticcerie e forni dell’area metropolitana.

    L’evento, che ha ottenuto il patrocinio del Comune di Firenze, è aperto al pubblico che può assistervi liberamente.

    Casa della Nella e Festival delle Pasticcerie, organizzatori dell’evento, sono orgogliosi di segnalare che quest’anno è stata coinvolta anche la Fondazione dell’Ospedale Pediatrico Meyer che sarà beneficiaria di una raccolta fondi: grazie al nuovo regolamento di iscrizione al concorso, tutte le pasticcerie finaliste porteranno infatti ben tre schiacciate.

    Gli organizzatori le consegneranno già porzionate ai volontari della Fondazione Meyer i quali, da una postazione situata all’esterno della location della finale, le venderanno a offerta libera ai presenti e ai passanti del centro commerciale destinando l’incasso per le attività a supporto
    dell’ospedale Pediatrico Meyer.

    CONCORRENTI E MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

    Visto l’altissimo numero di richieste pervenute alla direzione del concorso (oltre 50) è stato deciso di alzare il numero dei finalisti a 31 e, allo stesso tempo, operare una pre-selezione.

    Le schiacciate finaliste sono quindi – secondo la giuria – davvero le migliori dell’area metropolitana. Due sono del nostro territorio.

    Qua di seguito i nomi dei finalisti suddivisi per comune di provenienza: Antico Caffè Torino, Caffè Gilli, Caffè Libertà, Batoni, Bellucci, Cartabianca, Dolci di Patrizio Cosi, Gabriele Rocchi, Giorgio, Marisa, Onda Dolce, Pegaso, Rimani, Serafini, Stefania, forno Becagli, forno Pugi, forno focacceria Pappa e Ciccia (Firenze), Andrea-Ruggini, Marcello (Pontassieve), Pimpina, Rigacci (Cerbaia), Forno Martini (Castel Fiorentino), Aquila, Pan Dolce (Scandicci), Caffè Neri Crociani&Sapienti, Le chicchere, Malesci (Sesto fiorentino), Delizia (Poggio a Caiano), Caffè Neri Bellesi bistrot, Vannino (Calenzano).

    La mattina stessa del concorso, le schiacciate (classiche e non farcite) verranno portate nella location stabilita per le degustazioni.

    I membri della giuria popolare e tecnica – tutti pasticceri ed esperti del mondo food – dovranno assaggiare in modo “coperto” una fetta di ogni torta non sapendo chi è il produttore e dando successivamente un voto 1-10. Chi avrà ottenuto il punteggio più alto sarà dichiarato vincitore.

    La giuria renderà note solo le prime tre posizioni.

    PREMIO

    Ai primi tre classificati della giuria popolare e al primo classificato della giuria tecnica saranno offerte, a cura degli sponsor dell’evento Carra Distribuzione spa, Alleanza Assicurazioni, Torrefazione Toscana, delle bellissime targhe ricordo e premi in prodotti.

    ORGANIZZAZIONE

    Il concorso è organizzato da Festival delle Pasticcerie e dal catering di tradizioni fiorentine Casa della Nella, già creatori di tutti i concorsi di pasticceria legati alle tradizioni pasticcere dell’area metropolitana: “Pan di ramerino – Il Medioevo fiorentino”, “Lo zuccotto – Il Rinascimento in tavola”, “La miglior schiacciata con l’uva”, “Budino di riso – Il dessert fiorentino” e il recente “Cantuccio classico” (che si è svolto due settimane fa con
    la vittoria dello storico Caffè Gilli di Firenze).

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...