spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ottanta metri quadri di capanno abusivo lungo la Pesa: intervento dei carabinieri forestali di San Casciano

    Era adibito al ricovero attrezzature agricole e animali da cortile, piccioni e galline: individuato l'autore e segnalato all'autorità giudiziaria

    SAN VINCENZO A TORRI – I militari della Stazione carabinieri forestali di San Casciano si sono recati nei giorni scorsi in località San Vincenzo a Torri, nel comune di Scandicci, insieme a personale del Nucleo Edilizia della polizia municipale di Scandicci.

    Motivo dell’intervento, la constatazione della realizzazione di un manufatto, di superficie pari a ottanta metri quadrati, adibito al ricovero attrezzature agricole e animali da cortile, piccioni e galline.

    La struttura, costruita con pali metallici, ancorati a blocchi di cemento e rete elettrosaldata, parzialmente ricoperta da onduline di vetroresina, era stata realizzata in un’area ripariale del torrente Pesa, in prossimità della pista ciclabile.

    Il manufatto risultava abusivo perché in contrasto con lo strumento urbanistico che vieta espressamente la realizzazione in assenza del titolo abilitativo, ossia il permesso di costruire, di nuovi edifici e/o manufatti di qualsiasi tipo.

    Inoltre, perché realizzato in zona vincolata paesaggisticamente, nonché dal punto di vista idraulico in quanto prospiciente un corso d’acqua, per cui sussiste un vincolo di inedificabilità.

    A seguito delle indagini è stato individuato l’autore del manufatto, che è stato segnalato all’autorità giudiriziaria per violazione del Testo Unico delle disposizioni legislative regolamentari in materia edilizia, del codice dei beni culturali e del paesaggio e del Testo Unico sulle opere idrauliche.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...