spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sanità, Landini: “I pronto soccorso sono in crisi, occorre cambiare sistema”

    ll presidente della Fondazione Santa Maria Nuova Onlus: "La sfida adesso è potenziare il territorio"

    FIRENZE – “La crisi che sta investendo i nostri pronto soccorso e le nostre medicine di urgenza è una crisi grave, strutturale e non legata alla contingenza del momento. E’ entrato in una spirale di declino irreversibile un modello impostato un ventennio fa e basato sull’idea che tutto dovesse passare dal pronto soccorso. Adesso dobbiamo cambiare rotta e ripartire dal territorio”.

    Lo dice Giancarlo Landini, presidente della Fondazione Santa Maria Nuova onlus.

    Ci sono due ordini di livelli e motivi in questa crisi, ritiene Landini: “Da una parte l’eccessivo numero di arrivi di pazienti dal territorio, pazienti spesso acuti che non trovano nessuna risposta sul territorio e sono costretti ad andare al pronto soccorso”.

    “Dall’altra – prosegue – l’enorme lavoro dei medici dei pronto soccorso che si sobbarcano una mole di lavoro enorme senza una prospettiva di carriera, senza poter seguire i loro pazienti nell’evoluzione del percorso di cura e senza adeguati ricambi”.

    “Né gratificati né realizzati – rimarca – tanti medici rimangono sempre in prima linea, non vanno mai in seconda linea, e da qui nascono tanti casi di “burn out”, nasce la disaffezione alla specialità, ne deriva la fuga dalla specialità della medicina d’urgenza e il progressivo abbandono del pronto soccorso”.

    Un circolo vizioso contro cui finora non sono state individuate le armi giuste, aggiunge Landini: “Le proposte fatte per risolvere questo tipo di problema sono state per ora non appropriate”.

    “Una – esemplifica – è stata quella di costringere i medici di medicina interna a lavorare al pronto soccorso, ma è una idea di corto respiro, che conduce a fuggire più che a restare. E’ difficile pensare di costringere una professione intellettuale come il medico a fare per forza una scelta impegnativa come il pronto soccorso, se si fa la si fa spontaneamente”.

    “L’altro errore – puntualizza – sarebbe quello di affidare la gestione dei codici minori a medici di medicina generale e guardie mediche. C’è qualcuno che pensa di proporlo ma sarebbe sbagliato. Sarebbe una mossa priva di senso perchè già abbiamo un territorio depauperato di competenze, se ne leviamo ancora altre dal territorio e le mettiamo al pronto soccorso non facciamo il bene di nessuno. Sono azioni che non portano a niente. In realtà bisogna cambiare del tutto il sistema”.

    Come fare allora? “Occorre – risponde Landini – mettere in piedi un sistema più equilibrato, in cui il territorio svolge una parte di lavoro e in cui la medicina d’urgenza non è lasciata sola alla porta dell’ospedale”.

    “In questo senso – aggiunge – il dipartimento della medicina dell’Asl Toscana Centro che dirigo sta mettendo a punto delle azioni che potrebbero migliorare le cose in futuro, d’intesa con il direttore generale Paolo Morello. In primo luogo la presa in carico precoce da parte degli internisti e dei geriatri dei pazienti al pronto soccorso”.

    “Pazienti che hanno queste caratteristiche – specifica – e sono in numero maggiore, sono presi in carico da chi ha queste specialità, tolti dal pronto soccorso e portati in strutture “boarding unit”. I geriatri hanno un vantaggio perchè conoscono il territorio e possono da qui mandare i pazienti direttamente alle cure intermedie o alle Rsa”.

    “L’altra azione – ricorda – è stata la creazione del Girot, il gruppo di intervento rapido ospedale-territorio, i cui geriatri curano a casa i pazienti anziani e polipatologici e di basso livello funzionale senza farli giungere in ospedale. I primi dati sul Girot sono molto buoni, c’è una riduzione dei ricoveri e la mortalità è ridotta, il delirio del paziente anziano è azzerato”.

    “La strada – conclude Landini – è sicuramente l’innalzamento del livello delle intensità di cure, non solo degli specialisti ma anche per medici di medicina generale e infermieri di famiglia. La sfida per salvare i pronto soccorso si vince sul territorio”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...