spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sanità toscana, sale a quasi mille il numero delle prestazioni prenotabili online

    Tra le nuove prestazioni aggiunte si trovano prevalentemente quelle di diagnostica per immagini (RM, TC, Ecografie)

    FIRENZE – Aumenta il numero delle prestazioni sanitarie prenotabili online, sia attraverso il portale regionale che attraverso la app Toscana Salute (disponibile per Android ed iOs).

    Si tratta di 140 nuove prestazioni che vanno ad aggiungersi alle 847 che già si potevano prenotare per via telematica.

    Il servizio è accessibile solo per chi ha una ricetta dematerializzata e non include le prestazioni con priorità U (urgente).

    “Un ulteriore sforzo compiuto dalla Regione – commenta l’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini – per rendere sempre più completo e agile il servizio offerto ai cittadini. Promuovendo i nuovi canali di prenotazione online, a partire dalla App Toscana Salute, e ampliando l’offerta delle prestazioni presenti, diamo anche seguito ad uno degli impegni presi nell’ultimo vertice sulle liste d’attesa”.

    “Restano attivi i canali tradizionali – precisa l’assessore – come il telefono o lo sportello, ma questo ulteriore passaggio certifica la volontà di dotarsi delle nuove tecnologie per facilitare l’accesso ai servizi sanitari”.

    “Vorrei inoltre sottolineare – aggiunge – che l’offerta online è stata estesa a tutte le prestazioni contenute nel piano regionale governo liste d’attesa. L’offerta delle prestazioni prenotabili online verrà ulteriormente e progressivamente ampliata nel corso dei prossimi mesi, inserendo tutte le prestazioni di primo accesso, con la sola eccezione di quelle che in fase di prenotazione richiedono necessariamente specifiche indicazioni e interlocuzione con un operatore”.

    Tra le nuove prestazioni aggiunte si trovano prevalentemente quelle di diagnostica per immagini (RM, TC, Ecografie).

    Giusto per fare qualche esempio, si potranno prenotare la risonanza muscoloscheletrica, la RM encefalo, la TC torace e addome.

    Ma sono state aggiunte anche delle prime visite quali quella allergologica, la valutazione ginecologica e valutazione endocrinologica. Non solo, sono ora prenotabili online anche alcune endoscopie, tra le quali colonscopia e gastroscopia.

    La prenotazione online è possibile se si è in possesso della ricetta medica elettronica (dematerializzata) e non include per le prestazioni con priorità U (urgente), per le quali sono definiti specifici percorsi aziendali di presa in carico.

    Per prenotare online o sulla APP occorre inserire il proprio codice fiscale ed il numero della ricetta elettronica (NRE) riportato sul promemoria.

    Il perfezionamento della prenotazione deve avvenire entro 15 minuti, trascorsi i quali lo slot riservato verrà reso di nuovo disponibile. Entro 48 ore dall’appuntamento è possibile disdire.

    In caso di esami complessi è importante prendere visione delle note di preparazione che appariranno nel promemoria finale. Si ricorda inoltre che non è prenotabile il prelievo per esami ematici, per il quale è disponibile l’altra piattaforma regionale ZeroCode.

    Tutte le informazioni sono disponibili sul sito dedicato dove è consultabile l’elenco completo delle prestazioni prenotabili online ed i numeri dei CUP telefonici delle singole zone.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...