spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Siccità, Confagricoltura Toscana: “Necessario chiedere lo Stato di emergenza”

    Il presidente Marco Neri: "Occorrono sostegni urgenti per affrontare i danni causati dal clima"

    FIRENZE – “Il clima ha generato ormai una situazione tanto semplice da leggere quanto tragica: fiumi a secco, incendi, terreni agricoli senza acqua, raccolti a picco. Il nostro sistema non può reggere queste condizioni a lungo”.

    Lo afferma Marco Neri, presidente di Confagricoltura Toscana.

    “Occorrono risorse urgenti – incalza – per fare fronte ai danni causati dalla siccità. Riteniamo necessario che la Regione Toscana chieda lo stato di emergenza al Governo”.

    “La siccità – rilancia -sta danneggiando migliaia di lavoratori e famiglie che vivono grazie all’agricoltura. Il caldo torrido si è abbattuto sul grano, cereali, colture, girasoli, ulivi”.

    “Non possiamo ignorare quello che è ormai un grido di aiuto – aggiunge Neri – rimanendo in attesa e sperando che le condizioni migliorino”.

    “Servono interventi strutturali – precisa – per portare acqua e potenziare le misure di prevenzione contro gli incendi: ogni giorno le fiamme stanno distruggendo i campi della Toscana con contraccolpi economici elevatissimi”.

    “Sono le temperature più alte da quasi venti anni – prosegue – C’è, come ha già evidenziato l’Autorità idrica toscana in attesa di ultimare le analisi, una situazione di criticità, soprattutto per quanto riguarda le falde”.

    Confagricoltura Toscana si appella alla Regione. “Sono settimane drammatiche che potrebbero purtroppo proseguire a lungo – aggiunge Neri – non possiamo rimandare”.

    “Condividiamo a pieno la posizione presa da altre Regioni (Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia) – cinclude – che hanno chiesto giustamente aiuto allo Stato”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...