spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ucraina, profughi in Toscana. Giani: “Un front office di accoglienza a Firenze e sulla costa”

    "Per adesso sono ospitati da famiglie di amici o parenti. Però bisogna garantire la sicurezza sanitaria sia di chi è accolto che di chi accoglie"

    FIRENZE – Un front office d’accoglienza per chi scappa dall’Ucraina, un punto di riferimento, un approdo sicuro al quale gli ucraini arrivati in Toscana possano rivolgersi per essere seguiti sia per questioni pratiche come l’alloggio, sia per questioni sanitarie. 

    E’ l’idea del  presidente della Regione Toscana Eugenio Giani che da venerdì, in base all’ordinanza del Consiglio dei ministri (Dipartimento protezione civile), è anche commissario per l’emergenza umanitaria e che questo pomeriggio insieme all’assessora alla protezione civile Monia Monni ha fatto il punto sull’accoglienza profughi.

    “In questo ruolo che il Governo ha assegnato a me e agli altri presidenti di Regione – spiega Giani – sono tre i compiti principali. Innanzitutto quello di seguire tutte le operazioni di una prima accoglienza per chi non trova più spazio nei Cas organizzati dalle prefetture. Li orienteremo verso gli alberghi di prima accoglienza per differenziarli dagli alberghi sanitari Covid”.

    “Il  secondo compito riguarda i trasporti – prosegue – affinché gli ucraini possano avere condizioni agevolate per gli spostamenti”.

    “Terza questione – precisa Giani-  è legata alla sanità: ci stiamo organizzando in riunioni periodiche , la prima stamani, ed il  primo obiettivo è appunto un front office sia a Firenze che in una località della costa”.

    Giani lo definisce “un punto di riferimento anche per gli  ucraini che arrivano con i loro mezzi e che vogliono uno sportello di informazioni, un luogo fisico in cui avere quelle indicazioni indispensabili da seguire al momento dell’arrivo”.

    Varie le ipotesi in campo al quale il presidente sta lavorando insieme all’assessora Monni e al dipartimento della protezione civile regionale.

    “Vi è tutta la parte sanitaria su cui seguirli- aggiunge Giani – per questo il nostro direttore della sanità ha già elaborato una circolare  con cui si precisa il tampone da fare , le vaccinazioni, non solo quella covid,  ma  tutte quelle necessarie alla protezione dalle varie patologie”.

    “E poi l’organizzazione di beni e viveri sia per chi vuole lasciare qualcosa, sia per trasporti in Ucraina o nei campi vicini. Nel momento in cui nelle prossime ore individuiamo il luogo di front office – aggiunge il presidente – e viene lì creato un’unità operativa attraverso il dipartimento della protezione civile, possiamo far fronte in modo coordinato alle esigenze”.  

    “Per ora agiamo in assenza di un piano di assegnazione di quote – specifica Monni – e regolazione dei flussi e molti arrivano fuori dalla rete istituzionale di accoglienza. Sono ospitati da famiglie di amici o parenti. È un’ottima soluzione perché consente a chi scappa dalla guerra di essere accolto da persone con cui c’è un rapporto affettivo e questo può rendere meno doloroso questo difficilissimo momento. Però bisogna garantire la sicurezza sanitaria sia di chi è accolto che di chi accoglie”.

    “Per questo abbiamo istituito il numero verde istituito il  numero verde 800556060. Anche chi  accoglie – conclude Monni- può chiamare questo numero per segnalare l’arrivo dei profughi che potranno così essere sottoposti a screening sanitario e tampone perché è giusto garantire la massima sicurezza di chi arriva, ma anche di chi accoglie e di tutti noi. A questi cittadini  verrà attribuito un codice e avranno accesso non solo al tampone, ma anche alle cure sanitarie di cui hanno bisogno”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...