spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    VIDEO / LaMMA: “In arrivo la perturbazione che porterà piogge in Toscana”

    "Le piogge sulla nostra regione - dicono dal LaMMA - dovrebbero finalmente arrivare da mercoledì. Le prime in alta Toscana già domani sera"

    FIRENZE – Stavolta sembra davvero che le piogge possano tornare in Toscana.

    Dopo oltre un mese in cui, per rimanere all’area della Città Metropolitana di Firenze, non è caduta neanche una goccia.

    # Un mese senza piogge nella Metrocittà di Firenze: dati e suggerimenti della Protezione civile

    Pioggia che dovrebbe portare un po’ di sollievo alle colture, messe a dure prova da questa siccità di fine inverno-inizio primavera.

    Agli animali selvatici, anch’essi sottoposti allo stress dovuto al deficit idrico.

    E, infine, dovrebbe far rientrare lo stato di allerta che vige da settimane in merito all’alto rischio di incendi.

    “Le piogge sulla nostra regione – dicono dal LaMMA – dovrebbero finalmente arrivare da mercoledì”.

    Oggi ancora sole e temperature in aumento.

    Domani graduale aumento della nuvolosità, “a preannunciare la perturbazione in arrivo da mercoledì. Temperature in lieve calo”.

    “Il cielo – conclude il LaMMA – vedrà nuvolosità sempre più compatta. Le prime piogge si inizieranno a vedere in alta Toscana già domani sera”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...