mercoledì 5 Agosto 2020
Altre aree

    Inaugurata una targa in memoria di Antonio Zobi posta sulla sua casa natale

    TAVARNELLE (BARBERINO TAVARNELLE) – Inaugurata venerdì 13 dicembre, affissa su quella che fu la sua casa natale, una targa in memoria di Antonio Zobi, a Tavarnelle.

    Storico, nato a Tavarnelle (quando era comune di Barberino di Val d’Elsa) il 15 giugno 1808. Compì gli studi a Firenze, dedicandosi particolarmente all’architettura; i suoi primi scritti sono infatti saggi di storia dell’arte.

    Fu occupato per un certo tempo ai lavori per la formazione del nuovo catasto di Toscana, e forse da questa circostanza fu indotto a interessarsi di problemi economici e a scrivere una serie di articoli in un giornale fiorentino, i quali, ampliati e completati, costituirono un “Manuale storico delle massime e degli ordinamenti economici vigenti in Toscana” (Firenze 1847).

    La targa è stata pensata e finanziata dalla Pro Loco di Tavarnelle, presente con il suo presidente Tiberio Corsi. Presenti, fra gli altri, anche don Franco Del Grosso, parroco della chiesa di Santa Lucia al Borghetto (che ha provveduto alla benedizione), il comandante della Stazione carabinieri di Barberino Tavarnelle Giuseppe Cantarero e il sindaco David Baroncelli.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino