spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fungaiolo 50enne cade e si frattura una caviglia, recuperato con il Pegaso: “Grazie di cuore a chi l’ha soccorso”

    Nella zona del lago di Dudda. Il fratello: "Il bosco era reso scivoloso dalle recenti piogge. E' finito in una scarpata e si è fratturato la caviglia. E da lì non si è più mosso"

    GREVE IN CHIANTI – I vigili del fuoco del comando di Firenze, distaccamento di Figline, sono intervenuti nel pomeriggio di ieri, lunedì 5 settembre, in prossimità del lago di Dudda nel comune di Greve in Chianti.

    Intervento resosi necessario per il soccorso ad un uomo, 50 anni, che si è infortunato ad un piede.

    Mentre i vigili del fuoco raggiungevano l’uomo nel bosco, l’elicottero del 118 è riuscito a recuperarlo direttamente con il verricello.

    Senza aver bisogno delle operazioni propedeutiche di “disboscamento” che spesso si rendono necessarie in queste zone.

    “Era andato a cercare i funghi – ci racconta il fratello – Posso dire che è un esperto cercatore e non un neofita”.

    “Ma il bosco era umido – prosegue – reso scivoloso dalle recenti piogge. E’ finito in una scarpata e si è fratturato la caviglia. E da lì non si è più mosso”.

    “Tutte le operazioni di recupero – tiene a dire – sono state egregiamente svolte da volontari e equipe del Pegaso e del 118!”.

    “Mio fratello – conclude – è già stato sottoposto ad un primo intervento, e sta bene: vorrei ringraziare personalmente il medico e gli infermieri del Pegaso”.

    In zona Dudda è già il secondo intervento in pochi giorni in area boscata: nei giorni scorsi infatti è stata soccorsa una 52enne, sempre con il Pegaso, caduta mentre era a cercare funghi.

    # Cade mentre cerca i funghi: 52enne grevigiana soccorsa nel bosco. Il suo racconto (e i suoi ringraziamenti)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...