spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “A Greve in Chianti la situazione della scuola è drammatica: si convochi commissione consiliare”

    A richiederla i consiglieri comunali di opposizione (VIVA - Cittadini per Greve in Chianti) Simone Secchi e Fabio Baldi: "Dalla giunta risposte evasive, rinvii a responsabilità altrui, scaricabarile"

    GREVE IN CHIANTI – Non usano mezze parole per descrivere la situazione scolastica nel comune di Greve in Chianti i consiglieri comunali di opposizione (gruppo VIVA – Cittadini per Greve in Chianti) Simone Secchi e Fabio Baldi: “E’ drammatica”.

    “E’ da poco iniziato l’anno scolastico – iniziano – e le criticità della scuola di sommano. Avevamo iniziato con la chiusura del polo scolastico di Panzano durante l’estate; a settembre la ristrutturazione della cucina della mensa scolastica era in alto mare”.

    “Alla fine di ottobre – elencano – dopo un anno di chiusura l’aula di informatica della scuola primaria di Greve in Chianti è ancora chiusa. Ad ogni consiglio comunale abbiamo fatto interrogazioni e question time per pungolare la giunta ma nulla si muove”.

    “Risposte evasive, rinvii a responsabilità altrui, lo scaricabarile più classico della politica italiana”.

    “E’ il terzo anno scolastico difficile per tutti coloro che vanno a scuola – dicono ancora – ma a Greve in Chianti la situazione è fuori controllo fra classi messe in quarantena in ritardo e lavori che neanche iniziano”.

    “Edifici scolastici fatiscenti – incalzano – ritardi nella programmazione, mancati investimenti che fanno della scuola grevigiana la cenerentola della nostra zona.

    Per questo i consiglieri comunali Simone Secchi e Fabio Baldi chiederanno la convocazione straordinaria aperta della Commissione Scuola, “per poter conoscere la realtà della situazione in tutte le frazioni del comune e confrontarsi con tutti i protagonisti del mondo scolastico, Comune, dirigenza scolastica, Consiglio di Istituto Comprensivo”.

    “Chiederemo anche di visitare le scuole e gli edifici destinati alle attività scolastiche del comune – rimarcano – per conoscere e stimolare tutti a fare uno sforzo a favore di alunni e famiglie interessate”.

    “Ed infine – concludono – chiederemo quanto il Comune ha investito in termini di sostegno alla didattica scolastica. La limitatezza degli investimenti sull’edilizia scolastica è sotto gli occhi di tutti e si scontra con le notizie nazionali di cospicui stanziamenti nazionali e regionali e con la situazione dei Comuni più vicini”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...