spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Greve si moltiplicano le critiche alla Ztl in centro. Rossella Rossi: “Abbiamo perso tutta la clientela di passaggio”

    La titolare del ristorante-albergo Da Verrazzano: "Tanti problemi quotidiani per una decisione che andava valutata in altro modo"

    GREVE IN CHIANTI – Si moltiplicano le critiche all’istituzione della Ztl nel centro storico di Greve in Chianti. Che da alcune settimane caratterizza gli accessi a piazza Matteotti e al “Borgo”.

    # La decisione: zona a traffico limitato in piazza Matteotti e in tutto il centro storico di Greve in Chianti

    # Ztl sperimentale in centro a Greve in Chianti, Confesercenti: “Versione più soft sarebbe stata meglio compresa”

    # Il centrodestra: “Ztl a Greve, in piazza e nelle vie del centro, monta la polemica. Ma è stata scelta condivisa?”

    Ed è in particolare larga parte del mondo della ristorazione e del commercio a valutare negativamente la decisione presa dalla giunta guidata dal sindaco Paolo Sottani.

    Critiche circostanziate arrivano da Rossella Rossi, titolare del ristorante-albergo Da Verrazzano in piazza Matteotti. Una “decana” del centro storico grevigiano, visto da chi lavora con visitatori e turisti.

    “L’amministrazione comunale ha preso la sua decisione – inizia Rossi – ma Greve non è Siena, non è San Gimignano, non è Firenze. La piazza è bellissima, ma il più delle volte è deserta”.

    “Stiamo lavorando molto meno – rincara – perché perdiamo tutto il passaggio. Spesso noi grevigiani pecchiamo un po’ di presunzione, si pensa che tutti ci conoscano, che conoscano la piazza. Ma non è così: chi ci si imbatteva per caso non lo fa più”.

    “Soprattutto durante e dopo il Covid – specifica – con l’albergo abbiamo cominciato a lavorare anche sul passaggio. Magari con una clientela più anziana. Persone che rimanevano due-tre giorni, magari mangiavano al ristorante… . Noi lavoriamo con tutto: agenzie, web, ma anche la clientela di passaggio era importante”.

    “Invece – rilancia – si è creata una situazione di chiusura della piazza, con il parcheggio in piazza della Resistenza chiuso per lavori, e quelli a pagamento con prezzi alti e fino a orari (le 23) che altrove non sono neanche presi in considerazione”.

    “Ho anche clienti non giovanissimi che venivano a cena – rimarca ancora Rossi – e che senza poter accedere facilmente preferiscono non venire”.

    Ci sono poi altri problemi, sul versante rifornimenti: “Tanti furgoni non riescono a portare le consegne entro le undici, magari sono furgoni con la catena del freddo. Sono costretti a lasciare i mezzi dove capita. Rischiando (e in alcuni casi prendendo) pure la multa”.

    “Due anni di Covid, la guerra, la situazione economica, l’aumento dei costi delle materie prime – conclude Rossella Rossi con alcune domande inviate verso il palazzo comunale – era questo il momento di chiudere la piazza? Si poteva aspettare? Si poteva ragionarne meglio? Soprattutto con coloro sui quali queste decisioni vanno a incidere”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...