spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Agricoltura e tecnologia: GranoScan, una app per la diagnosi del grano nasce a Greve in Chianti

    Programmazione e sviluppo grafico curati dai tre ragazzi che hanno fondato Yoo-No Lab, azienda di comunicazione e innovazione digitale

    GREVE IN CHIANTI – L’agricoltura più teconologica e all’avanguardia? È anche “made in Chianti”.

    È qui, infatti, che è stata realizzata un’app innovativa, GranoScan, uno strumento che si avvale di sistemi di intelligenza artificiale per la diagnosi del grano.

    Una soluzione tecnologica, questa, nata da un progetto del Cnr-Ibe, Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto per la BioEconomia ed il gruppo Barilla, con l’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione “A. Faedo”  (Cnr-Isti), e sviluppata da un giovane gruppo creativo di Greve in Chianti. 

    La programmazione e lo sviluppo grafico sono stati curati dai tre ragazzi che hanno fondato Yoo-No Lab, azienda di comunicazione e innovazione digitale con sede nel comune grevigiano e ha appena collaborato alla realizzazione dell’app legata alla filiera del grano. E non solo.

    “Abbiamo già collaborato – parlare è Sara Burberi, ingegnere ambientale, comunicatrice digitale e cofondatrice di Yoo-No Lab – al supporto per la disseminazione e la comunicazione di DigiVit, viticoltura digitale in Toscana, un progetto di Cnr-Ibe finanziato da Regione Toscana, per diffondere buone pratiche di sostenibilità con l’utilizzo di nuovi strumenti per la viticoltura”.

    “Abbiamo scelto di lavorare nel Chianti, per il Chianti – aggiunge  – investendo sulle reciproche professionalità nel campo del digitale. Ci siamo incontrati, abbiamo parlato delle nostre esperienze e iniziato a collaborare creando poi un gruppo affiatato”.

    L’obiettivo è mettere la tecnologia al servizio del nostro territorio, per creare e sviluppare prodotti, app e sistemi, che mantengano una forte attenzione all’etica e all’ecosostenibilità, e al tempo stesso supportino il territorio e le nostre colture, quindi l’economia. 

    “La pandemia – rilancia Burberi – ci ha spinti a impegnarci ancor di più nell’adozione della solidarietà digitale, cercando di supportare le piccole aziende e i liberi professionisti nel potenziamento della loro presenza sul web. Per questo ci interessano fortemente progetti che riguardano il nostro territorio”.

    “Vogliamo che il divario tra le piccole imprese e il digitale sia abbattuto attraverso un percorso inverso – conclude – Per noi non sono le imprese a dover rincorrere la tecnologia, è il digitale a doversi mettere al servizio dell’agricoltura”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...