spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dopo le ripetute intrusioni, maggiore sicurezza alla “Don Milani”

    La scuola elementare “Don Lorenzo Milani” di San Polo in Chianti era stata, nei mesi scorsi, teatro di numerose effrazioni che avevano allarmato i genitori e l’intera comunità. Non tanto per la refurtiva (i ladri si dirigevano sempre presso i distributori di merendine), ma per il senso di insicurezza generalizzato e i seri danni alle cose.

    Adesso la situazione è destinata a cambiare visto che, come spiegano l’assessore ai lavori pubblici Simone Secchi e la sua collega alla pubblica istruzione Letizia Burgassi, “l’amministrazione comunale si è attivata e da alcuni giorni ha terminato i lavori di installazione dell’allarme, che adesso proteggerà l’immobile scolastico”.

    Un dissuasore importante contro chi pensa di sfruttare i distributori automatici come una sorta di bancomat, sfasciando i serramenti per entrare dentro la scuola e, chiaramente, gli stessi macchinari.

    “Abbiamo preso molto sul serio le segnalazioni della scuola e dei genitori – concludono Secchi e Burgassi – e adesso possiamo davvero dire che la sicurezza presso la scuola “Don Milani” di San Polo in Chianti è aumentata”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...