spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Ancora nessuna soluzione per le scuole materna e primaria di Panzano in Chianti”

    I lavori anti sismici "sfratteranno" i ragazzi. Centrodestra e VIVA: "Non possiamo più sopravvivere con una progettazione last minute del Comune"

    GREVE IN CHIANTI – “Al 18 agosto ancora non sono pronte soluzioni progettuali definitive con tempistiche di realizzazione chiare per riuscire a mantenere le scuole elementari e materna nella frazione di Panzano in Chianti”.

    Lo dicono i gruppi consiliari grevigiani di opposizone: Per il Cambiamento (centrodestra) e VIVA – Cittadini per Greve in Chianti.

    “Capiamo tutte le difficoltà che possono emergere – riprendono – ma queste analisi dovevano essere pronte per la riunione del 20 luglio, svolta con i genitori e non iniziarle dopo la loro presa di posizione di far rimanere le scuole a Panzano”.

    “Questo – accusano – evidenzia come il Comune assuma le sue decisioni in funzione delle perplessità pubbliche e non in funzione di una progettazione ben pianificata e dettagliata nelle tempistiche”.

    “Anche perché – denunciano – non si può scoprire che esiste una possibile soluzione per lasciare le scuole a Panzano nella riunione con i genitori, quando l’amministrazione aveva dato come indicazione di portare le scuole a Greve in Chianti”.

    “Non possiamo più sopravvivere – rincarano – con una progettazione last minute che risolve la questione al momento senza pianificare una strategia a lungo termine specialmente quando si parla di scuole come più volte abbiamo evidenziato”.

    “Attendiamo la convocazione del consiglio straordinario – concludono – e lì, visto che siamo a fine agosto e le scuole inizieranno il 15 settembre, ci aspettiamo un’esposizione della soluzione definitiva con relativa pianificazione dei lavori”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...