spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 24 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nella sala Margherita Hack: sul tavolo temi fondamentali come la fusione e il reperimento risorse

    GREVE IN CHIANTI – Due appuntamenti in poche settimane per i piccoli comuni, cioè i centri sotto i 5 mila abitanti, che sono 135 in Toscana, con una popolazione di oltre 325mila abitanti, e 5.690 in Italia con circa 10 milioni di abitanti. 

     

    Oggi a Greve in Chianti si svolge l'Assemblea regionale dei piccoli comuni dell'Anci Toscana mentre il 23 ottobre a Firenze sarà la XIII Conferenza nazionale dei piccoli a dare il via alla XXX Assemblea nazionale dell'ANCI che proseguirà nei giorni seguenti fino al 25 ottobre.

     

    Questi due appuntamenti, sottolinea il coordinatore regionale della Consulta Piccoli comuni di Anci Toscana Pierandrea Vanni, sindaco di Sorano, saranno l'occasione per riproporre con forza una serie di richieste che non sono più rinviabili: la prima è il superamento o almeno un forte allentamento del patto di stabilità per i piccoli comuni, che sta provocando guasti pesanti.

     

    L'Assemblea di Greve sarà l'occasione per fare il punto sullo stato di salute delle Unioni dei Comuni e sulle loro prospettive, ma non potrà mancare un riferimento ai processi di fusione che sono stati avviati e in parte completati in Toscana.

     

    "Sulle fusioni bisogna essere molto chiari – sottolinea Vanni – sono un'opportunità offerta prima alle valutazioni delle amministrazioni comunali e poi al giudizio dei cittadini tramite referendum. Sono scelte autonome che meritano il massimo rispetto, ma lascia perplessi quando vengono giustificate soprattutto con la riduzione dei costi della politica perché in realtà si tratta dei costi della democrazia (il funzionamento delle giunte e dei consigli comunali) che per di più nei piccoli comuni sono assai modesti anche per quanto riguarda l'indennità dei sindaci. Gli stessi importanti benefici economici assicurati dallo Stato e dalla Regione sono certamente risolutivi rispetto al dramma dei bilanci comunali, ma non va dimenticato che sono limitati nel tempo. In più lo Stato esenta per tre anni dal patto di stabilità i Comuni che si fondono, ma allora riconosce che il Patto è solo una camicia di forza".

     

    La strada delle Unioni dei Comuni, aggiunge Vanni, "sia pure complessa, si sta rivelando significativa e dà i primi risultati concreti anche sul piano operativo pur salvaguardando il concetto di municipalità dei singoli Comuni che specie nelle zone disagiate e montane ha ancora un valore forte per i cittadini".

     

    Fra le richieste che avanzerà l'Assemblea regionale Vanni ne cita tre: mantenimento del fondo regionale per i Comuni disagiati, maggiori investimenti della Regione per l'Agenda digitale, la creazione di un fondo di investimenti per i piccoli comuni e per le Unioni che possa anche integrare le prime risorse messe in campo dal governo con il programma "6000 campanili".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...