spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 6 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Assemblea pubblica: la complessa vicenda del confine orientale italiano e dell’esodo giuliano-dalmata

    L'iniziativa è in programma domani, giovedì 20 ottobre alle ore 21.15, a Greve in Chianti nella sala Margherita Hack

    GREVE IN CHIANTI – Un’occasione per conoscere e approfondire la conoscenza della Storia dei confini orientali, dei rapporti con i popoli confinanti e delle tragiche vicende accadute prima e dopo la seconda guerra mondiale.

    Una proposta del consiglio comunale di Greve in Chianti, scaturita in particolare da una richiesta del gruppo VIVA-Cittadini per Greve in Chianti e FdI, si è tradotta in un’iniziativa aperta al pubblico organizzata dal Comune di Greve in Chianti.

    Domani, giovedì 20 ottobre alle ore 21.15 nella sala Margherita Hack del Palazzo della Torre (viale Vanghetti 4, Greve in Chianti).

    Nello specifico si tratta di un’assemblea pubblica in cui gli interventi del professor Raoul Pupo, storico italiano e docente di Storia contemporanea presso l’Università di Trieste, fra i massimi conoscitori dell’esodo giuliano-dalmata e della storia del nostro confine orientale, e del sindaco Paolo Sottani illustreranno l’obiettivo dell’evento incentrato sul tema “La complessa vicenda del confine orientale italiano e dell’esodo giuliano-dalmata”.

    L’iniziativa segue quella che, sempre su proposta del consiglio comunale, si è tenuta nel febbraio 2022 per la presentazione di due targhe commemorative nel parco pubblico di via Brodolini, a Greve in Chianti.

    La prima è stata dedicata a tutte le vittime delle Foibe, la seconda ha rievocato la memoria di Norma Cossetto, una studentessa italiana, istriana di un villaggio nel comune di Visignano, uccisa nell’ottobre del 1943 dai partigiani jugoslavi nei pressi della foiba di Villa Surani.

    Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua