mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    Avis Strada in Chianti, 45 anni senza la festa in piazza Landi. Paolo Mariani: “Tante le persone da ringraziare”

    Lo storico presidente dell'associazione parla a nome di tutti e celebra questo compleanno così particolare: "A partire da don Giannoni, fondatore del gruppo donatori sangue"

    STRADA (GREVE IN CHIANTI) – L’Avis di Strada in Chianti, festeggia i suoi 45 anni di attività. Decine di migliaia di sacche di sangue e plasma raccolte in 45 anni di donazioni.

    Però quest’anno è particolare, non ci sarà la tradizionale Festa in Piazza e l’Avis, attraverso le parole di Paolo Mariani, presidente dell’associazione per decenni, vuole comunque fare un ringraziamento.

    “Fino allo scorso anno – comincia Paolo – in questi giorni si stava preparando piazza Landi per le famose “Serate in Piazza”. Oramai un evento particolarmente atteso da tutto il paese. Sarebbero arrivate le nostre consorelle da diverse parti d’Italia perchè dovevamo celebrare il 45° anno di fondazione dell’Avis. Tante nostre consorelle hanno comunque inviati i loro auguri per noi”.

    “Personalmente – prosegue Paolo Mariani – non potevo fare a meno di ricordare il lungo e prosperoso cammino dal lontano 1975 ad oggi. Anche se non è più fra noi, ricordo e ringrazio don Paolo Giannoni fondatore del gruppo donatori sangue Strada. Ci sarebbero da ringraziare le tante persone che hanno collaborato alla crescita della nostra sezione, ma sono tanti e potrei scordarmi qualcuno, allora ringrazio quelli che ancora oggi lavorano per la donazione del sangue”.

    “Molte cose sono cambiate, non so se in meglio o in peggio – continua – ma con queste dobbiamo confrontarci e portare avanti il nostro compito e cioè propagandare la donazione. Il ringraziamento più grande lo rivolgo a i tanti donatori che in tutti questi anni non hanno mai fatto mancare la propria collaborazione e ci hanno permesso di arrivare ai numeri notevoli di oggi”.

    “Come ex presidente – conclude Mariani – ringrazio tutto l’attuale consiglio al quale auguro Buon lavoro e di mettere sempre il massimo impegno in questo grande e soddisfacente gesto. Ragazzi, Buon Lavoro, Buona donazione e Viva l’Avis!”.

    “Le serate in piazza – aggiunge Paolo Tepsich, attuale presidente dell’associazione – richiamavano la maggior parte dei cittadini. Erano suddivise in una sera spettacolo teatrale, generalmente in volgare, per non dimenticare le nostre origini. Una bellissima cena inpiazza, per cenare con tutti i donatori, i volontari, ma non solo. Due serate musicali, dove negli anni si sono succeduti Dj Set e gruppi dal vivo. La domenica si concludeva con musica, lotteria e divertimento”.

    “Questa festa ridonava la sensazione di paese – continua – che ahimè un po’ si è persa; la piazza tornava il centro della vita sociale ed in queste torride serate di luglio luci e risate prendevano il sopravvento sul silenzio che troppo spesso regna tra le vie stradesi”.

    “Vi saluto – conclude Paolo – dicendo che da lunedì all’ingresso dei negozi potrete trovare i dispenser per il gel sanificante che abbiamo fatto e regalato a tutti i commercianti, un piccolo gesto per far ricordare con ogni mezzo la presenza dell’associazione al fianco del paese e l’importanza della donazione. Quest’anno non possiamo fare la festa, ma vorrà dire che la faremo meglio il prossimo anno. Come ha detto Paolo Mariani, buona donazione e viva l’Avis!”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino