spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sabato 18 maggio lo spettacolo che porta in scena le parole della gente del posto

    Sabato 18 maggio alle 21 presso la casa del popolo di Greve in Chianti, gli Omini fanno "Capolino" a Greve in Chianti. Durante l’evento verrà promosso il percorso “Fiori all’occhiello” l’archivio informatico dei giovani artisti locali presentandone idee e abilità in una sezione del sito www.networkgiovani.org, ideato e curato dagli Operatori di Strada di Coop. 21 (055/630089).

     

    "Capolino" è un’azione del progetto “Let it be” presentato dalla Società della Salute fiorentina sud-est e finanziato dalla Regione Toscana. L’obiettivo di tale azione è quello di offrire ai giovani coinvolti l’opportunità di raccontarsi e sperimentarsi nelle loro capacità artistico espressive.

     

    "Capolino" vede la collaborazione de Gli Omini e degli Operatori di Strada della cooperativa sociale Coop. 21 che da anni lavora nella zona fiorentina sud est per la promozione del benessere della popolazione giovane.

     

    Gli Omini sono una compagnia teatrale che dal 2006 costruisce i propri spettacoli tramite indagini sul territorio. Arrivano in un posto, ci vivono, intervistano, osservano, ascoltano, poi scelgono, scrivono e mettono in scena.

     

    Con "Capolino" si sono affacciati in quattro comuni della Zona fiorentina sud est e in ogni comune hanno lavorato insieme a giovani dai 16 ai 30 anni coinvolti dagli operatori di strada. Quattro spettacoli ognuno diverso dall’altro, ognuno riempito dalle parole della gente del posto e delle idee dei giovani partecipanti. In più uno spettacolo finale che raccoglie tutto il meglio. Dopo il successo dei debutti a San Casciano ed a Incisa, Gli Omini insieme ai Giovin Omini stanno di nuovo per salire sul palco.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua