spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 18 Ottobre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Casprini: “Sto aspettando da mesi che il sindaco venga con me a vedere le barriere architettoniche”

    "Rimarrò saldamente nel Pd perché ci credo - dice - ma dove l'amministrazione comunale pecca io non posso stare zitto. E anche sulle Poste di Greve..."

    GREVE IN CHIANTI – E’ un Francesco Casprini deluso dall’attenzione riservata alle categorie più deboli e ai disabili a Greve in Chianti.

    Un tema sul quale lui stesso, in prima persona, si spende da sempre. Anche oggi, anche all’interno del Partito democratico, dove è arrivato nel suo percorso politico.

    “Rimarrò saldamente nel Pd perché ci credo – dice Casprini – ma dove l’amministrazione comunale pecca io non posso stare zitto. Nella segreteria grevigiana sono l’unico a stare più a sinistra, e forse certe cose le noto più di altri”.

    Ma di cosa si tratta nello specifico? “Secondo me – dice – il sindaco Paolo Sottani, che sono sempre pronto a difendere, ha fatto alcuni errori di recente, che vanno sottolineati e corretti”.

    “Il primo è su Poste Italiane – elenca – sull’ufficio postale del capoluogo, che hanno chiuso per lavori. L’amministrazione comunale, pur non responsabile in materia, avrebbe dovuto cercare di imporsi per avere un ufficio mobile durante tutto il periodo di chiusura”.

    Ma c’è un altro tema che a Casprini sta a cuore da sempre, ovvero quello delle barriere architettoniche.

    E su questo lancia un appello pubblico al primo cittadino: “Mi aveva promesso che avremmo fatto un giro per vedere insieme le barriere architettoniche a Greve in Chianti”.

    “Sono 5-6 mesi che aspetto – fa sapere – ma non si riesce mai a trovare il tempo da dedicare a questa problematica”.

    Perché, ricorda in conclusione, “io in sedia a rotelle le vedo meglio di chi cammina in modo normale…”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...