spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cementificio Testi, Europa Verde: “Qualità del lavoro e ambientale devono viaggiare insieme”

    "L'azienda metta a disposizione le risorse economiche per un progetto di recupero del sito; e parta immediatamente una fase di riflessione sulla sua destinazione"

    GREVE IN CHIANTI – “La triste vicenda del Cementificio di Testi è arrivata al suo epilogo: una storia iniziata ai primissimi anni del ‘900 termina con la chiusura dello stabilimento, fortunatamente con un accordo tra sindacati e azienda che dovrebbe garantire tutti i lavoratori”.

    Inizia così la riflessione di Europa Verde Chianti, in seguito agli accordi fra sindacati e proprietà per la chiusura del cementificio di Testi.

    # Cementificio Testi, i sindacati: “Date le circostanze l’accordo siglato è il migliore possibile”

    “Va dato merito ai sindacati – proseguono – alle amministrazioni locali, alle istituzioni civiche ed anche religiose, ai cittadini ma soprattutto ai lavoratori stessi di aver lottato fino all’ultimo contro questa conclusione infausta”.

    “La chiusura – ammettono – è una sconfitta sul piano del lavoro, ma non lo è sul piano sociale, perché ha evidenziato la capacità della struttura civile di mobilitarsi e ritrovarsi unita e solidale intorno alle persone e alle famiglie che vedevano essere messo in pericolo il loro futuro, lavorativo ma anche esistenziale”.

    “Ora che si è costretti a voltare pagina – rilanciano – si impongono due priorità assolute: la qualità del lavoro per i dipendenti e la qualità ambientale per il sito dello stabilimento”.

    “Per la prima – riflette Europa Verde – la traccia è già segnata dall’accordo, ma bisognerà che le forze politiche, le forze civili, le istituzioni sappiano tradurre queste linee di base in realtà: qualità del lavoro significa formazione qualificata, stipendi adeguati, diritti garantiti, prospettive certe”.

    “Per la seconda – sottolineano – la qualità ambientale, il percorso è tutto da costruire, da pensare, da progettare”.

    Europa Verde, nella sua articolazione locale del Chianti e regionale della Toscana, chiede due cose: “Che l’azienda metta a disposizione le risorse economiche per un progetto di recupero del sito; Che parta immediatamente una fase di riflessione sulla destinazione del sito, alla quale devono partecipare la Regione Toscana, le amministrazioni locali di Greve in Chianti e di San Casciano in primis e quelle dell’intero comprensorio e la società civile”.

    “Europa Verde punta molto su quest’ultima presenza – continuano ancora – la società civile è insieme la destinataria e la fruitrice del territorio e crediamo quindi che abbia il diritto e il dovere di partecipare alla determinazione del suo utilizzo, trovandone le forme adeguate: percorso partecipativo, concorso di idee, consulta pubblica sul progetto o qualsiasi altro percorso che permetta una partecipazione reale e un’influenza concreta sulle decisioni finali”.

    “L’obbiettivo – concludono – è che la riconversione del sito sia compiuta con la garanzia della massima qualità ambientale: bonifica, riqualificazione edilizia, disponibilità sociale del patrimonio, compatibilità con il territorio, qualità e quantità del verde”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...