spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Strada in Chianti: agli archivi, fra gli applausi, “Chi disse donna disse danno”

    STRADA (GREVE IN CHIANTI) – E' andata agli archivi, fra gli applausi del pubblico, la prima uscita sul palcosenico per il rione Borgo di Strada in Chianti, che nell'ultimo week end di giugno ha messo in scena "Chi disse donna disse danno" presso la Filarmonica "Baldassarre Paoli".

     

    Durante l'inverno il rione ha messo su una compagnia teatrale, "La compagnia del Borgo": il cui debutto ufficiale è avvenuto, appunto, con "Chi disse donna disse danno" (tre atti di Igino Caggese). La regia era di Carlo Montanelli, le scene della Falegnameria Piccini, i "rammentatori" Giulia Rossi e Barbara Gheri, la coordinatrice Nicla Rogai, trucco e parrucco Caterina Hair Stylist, abiti di scena Nicla Rogai e Emiliana Piccini, luci e suoni Nicola Ancillotti e Gianpaolo Viggiani.

     

    Sul palco Gianni Mugnai (Oreste sindaco); Barbara Cabella (Teresa la cameriera); Monia Galli (Agnese la moglie di Oreste); Barbara Cheli (Margherita la seconda moglie); Raffaele Ermini (Anselmi impiegato comunale); Michele Piccini (M. Spuntaroni finto prete); Filippo Galli (Franceschini consigliere); Carlo Anichini (Rossi consigliere); Gianna Cherini (Rossana nipote di Oreste); Pasquale Anaclerio (priore); Carlo Montanelli (Carlo ingegnere); Glenda D'Arena (madre di Anselmi).

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...