spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Alle 10.30 la Filarmonica Giuseppe Verdi dedica l’esibizione al compositore di Busseto

    PANZANO (GREVE IN CHIANTI) – Come tradizione la Filarmonica "Giuseppe Verdi" di Panzano in Chianti si presenterà al consueto appuntamento del concerto per onorare Santa Cecilia, patrona della musica, nella splendida cornice della chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo a Panzano, domenica 8 dicembre.

     

    Sin dal 1850 questa bellissima realtà del Chianti porta con amore ed entusiasmo un progetto che ha come obbiettivi la socializzazione, la cultura e l'amore per la musica.

     

    Un tempo, quando non esistevano mezzi di comunicazione di massa , la musica arrivava alla gente proprio grazie alle Bande ed ai loro concerti, nelle chiese e nelle piazze. Possiamo quindi affermare che la Banda era la "radio" dell'epoca. 

     

    Per questa occasione i musicisti della Filarmonica proporranno un omaggio a Giuseppe Verdi.
    Si festeggiano infatti i 200 anni dalla nascita del grande compositore di Busseto.

     

    La Filarmonica eseguirà un repertorio molto interessante tra brani celebri e trascrizioni particolari create per l'occasione.

     

    Ascolteremo durante la Santa Messa, alcuni brani sacri di grande intensità per poi passare al concerto vero e proprio dove verranno suonati brani tratti da Preludi di Opere e brani di conoscenza popolare come il "Coro Di Schiavi Ebrei" del "Nabucco" o "Libiamo Ne' Lieti Calici" (Brindisi) de "La Traviata".

     

    L'appuntamento è fissato per domenica 8 dicembre alle 10.30, presso la chiesa di Panzano in Chianti per passare, in questa giornata di festa, qualche momento all'insegna della buona Musica.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...