domenica 9 Maggio 2021
Altre aree

    Diversus, è sushi-mania: fra novità vegetariane e di ciccia, foto dei clienti e… filastrocche

    Quella che si sta creando attorno al grande successo del ristorante di Greve in Chianti è una sorta di "comunità del sushi" nel cuore del Chianti

    GREVE IN CHIANTI – “Quando si parla di empatia, tra un ristorante e la sua clientela – ci dice Francesco, del ristorante Diversus a Greve in Chianti – si capisce che dalla cucina e dal personale di quel ristorante si propaga magia”.

    “Sono bastati pochi giorni – prosegue – dalla richiesta attraverso il Gruppo Facebook del ristorante, di far proporre dei nuovi pezzi di sushi dai nostri clienti, che tra le tante proposte, c’è già un nuovo pezzo nel menù”.

    “La Wakame Diversus Salad – annuncia – (alghe che provengono direttamente dal Giappone, di una qualità imparagonabile rispetto a quelle che si trovano nelle grandi distribuzioni, insalata gentile, mais e vinaigrette) sarà da subito disponibile per tutti. Arricchirà il menù anche il Cecchini Pesce di Terra Huramaki (manzo, cipolla e vino rosso).

    “Per il contest di fotografia – prosegue Francesco – questa settimana i nostri amici si sono superati, sono arrivate tantissime fotografie. Io e lo staff vogliamo ringraziare Giuditta Serni, l’amico Mazzi, Lucia Vannucci, Olimpya, Francesco Coriglione e Elena Biancoenero. Ha conquistato il gradino più alto del podio Alessandro, figlio di Marilena Razza, che ha fatto un bel disegno con il nostro sushi ed uno striscione tutto per noi”.

    “Nel ricordare che le ordinazioni devono essere fatte per tempo – dice ancora – per sfortuna di alcuni nostri amici, anche questa settimana abbiamo raggiunto il limite massimo di produzione ed abbiamo dovuto declinare delle ordinazioni, venerdì e sabato abbiamo pubblicato due piccole filastrocche, per sollecitare chi avesse voluto ordinare”.

    Fatti avanti non esitare, ordina il sushi, non pensare.

    La bistecca puoi rimandare, il sushi ti porta lontano, in posti lontani, con la mente puoi viaggiare …….

    Ma non tardare Diversu si dà da fare, ma i miracoli non può fare, se chiami all’ultimo minuto, dobbiamo rimandare!!!!

    Pronto, pronto, se è tardi non chiamare………

    Il sushi dobbiamo preparare, soprattutto la domenica la devi santificare per noi è impossibile tardare, prima delle 11 devi prenotare, altrimenti solo alla messa puoi andare e non da Diversus a ritirare.

    “Con questi nostri post abbiamo dato l’ispirazione per ordinare in rima – dice divertito Francesco – ne voglio pubblicare tre per farvi capire. E a Giuditta Serni, che ha fatto una filastrocca meravigliosa, regaleremo due birre belghe per la prossima ordinazione”.

    #Giuditta Serni

    Non so se un’ostia mi basta

    Ma non mi va di mangiar pasta

    Il sushi vorrei mangiare

    Ma non so se è troppo tardi per ordinare.

    Sarebbe cosa assai gradita mangiar pesce con le dita

    Ma col marito mi devo accordare e anche del sushi di Dario ordinare.

    Fammi sapere se il desiderio si può realizzare che mi affretto a ordinare.

    #Marco Guerrini

    Ciao Francesco. Visto che alla messa non voglio andare… il sushi da diversus voglio ordinare… un box da 60 vorrei mangiare…

    #Marco Bruschi

    Sei un poeta eccezionale..

    e non sei mai così banale

    fai tutto quello che hai in testa

    e per noi è sempre una festa….. 

    “Come sempre – conclude Francesco – possiamo consegnare nel comune di Greve in Chianti, San Casciano, Impruneta, Figline Valdarno e Radda in Chianti, dal mercoledì alla domenica. Ricordiamo la flessibilità e modulabilità dei nostri box, per accontentarvi come meglio possiamo e la disponibilità della nostra cantina, che vede dei vini buonissimi e delle birre belghe introvabili in Italia”.

    Info e prenotazioni

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...