mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    Diversus-Kettmeir, un binomio da tutto esaurito: sold out il primo evento a tema del ristorante grevigiano

    Sabato 4 luglio DJ Set con Marco Marzi: ingresso libero, consumazione obbligatoria. Bar curato da Tiziano, con i suoi cocktails, a bordo piscina, dalle 18 alle 24

    GREVE IN CHIANTI – Comincia nel migliore dei modi la stagione di serate speciali per il ristorante Diversus, in piazza Matteotti a Greve in Chianti.

    Giardino al completo, ottimi piatti, magnifici vini, musica dal vivo veramente di qualità, tante chiacchiere e risate.

    Kettmeir, la centenaria cantina altoatesina nota per i suoi vini profumati, eleganti e territoriali, è presente tra i tavoli per spiegare qualità e caratteristiche dei vini proposti in degustazione e tanta soddisfazione per un evento eccezionale che ha funzionato nel migliore dei modi.

    “Questo vuol dire ripartire, credere in un progetto e rilanciarlo” ci dice soddisfatto Francesco, di Diversus.

    Massima soddisfazione anche da parte di Kettmeir. Lo abbiamo chiesto a Monica Morandini, rappresentante di zona del brand altoatesino: “La serata è andata molto bene, i vini sono piaciuti moltissimo. Tutto organizzato bene, abbiamo presentato al pubblico il nostro Pinot Bianco, vitigno principe dell’Alto Adige, il Metodo Classico Athesis Brut Rosé abbinato al primo piatto”.

    Una curiosità: Kettmeir è stata tra le primissime aziende altoatesine a spumantizzare con il metodo classico, a seguire il Pinot Nero, che si sposava benissimo con il secondo di pesce e, per concludere in dolcezza, il Moscato Rosa Kettmeir, da un vitigno autoctoni di cui possediamo solo mezzo ettaro,un nettare per pochi fortunati estimatori, si tratta di un moscato leggermente passito, che ha profumi intensi e ammalianti, di fiori e di rosa.

    Abbiamo chiesto un commento anche a Paolo Mazzoni, sommelier di grande esperienza, che collabora con il ristorante Diversus. E anche stavolta non è stato da meno.

    “Per fare le cose per bene – dice Mazzoni – bisogna creare i giusti abbinamenti, servono piatti che esaltino i vini e vini che esaltino i piatti. Diversus da questo punto di vista è sempre stato un innovatore, non fanno mai le cose a caso ma anzi stanno attenti a tutti i particolari”.

    “Una caratteristica di Francesco e di Diversus – aggiunge – è la voglia di sperimentare, creare delle combinazioni con le quali vogliamo stupire e spesso, grazie alla qualità della chef ci riusciamo”.

    “Vedendo il Menù – prosegue Paolo – la migliore combinazione credo sia stata le Bollicine Athesis Brut Rosé, un metodo classico con invecchiamento di 22 mesi, insieme ai tagliolini fatti in casa con pesce spada e melanzana. Le bollicine erano perfette con la cremosità della melanzana e la proteina del pesce spada”.

    “Serata perfetta – fa eco Francesco – come sempre l’attenzione ai particolari, la qualità delle materie prime, la voglia di aiutare le aziende presenti sul territorio, ma cercando comunque delle particolarità che senza l’aiuto di persone esperte non si riescono a trovare, creano situazioni magiche. Questa da sempre è la nostra ricetta per rendere le esperienze per i nostri clienti indimenticabili”.

    “In quest’ottica – conclude Francesco – sabato 4 luglio, DJ Set con Marco Marzi, ingresso libero, consumazione obbligatoria. Per l’occasione il bar curato da Tiziano, con i suoi cocktails, sarà trasferito a bordo piscina, dalle 18 alle 24. Vi aspettiamo per stupirvi e divertirvi”.

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino