spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dudda: dipinge le vecchie scuole con i colori dell’Ucraina, poi inizia anche con la strada. Vigili in azione

    Situazione decisamente surreale in corso a Dudda, borgo di case nel comune di Greve in Chianti...

    DUDDA (GREVE IN CHIANTI) – Situazione decisamente surreale in corso a Dudda, borgo di case nel comune di Greve in Chianti.

    Dove un residente, che già in passato salì agli onori delle cronache (era il settembre 2018), quando a Firenze aggredì l’artista Marina Abramovich con un quadro, ha dipinto le vecchie scuole con i colori (giallo e blu) dell’Ucraina.

    Non soddisfatto, aveva iniziato a dipingere anche la strada, all’altezza del bivio per La Panca, quando sono arrivati gli agenti della polizia locale di Greve in Chianti.

    Adesso starà all’amministrazione comunale fare tutte le verifiche del caso.

    Prima di tutto sulla proprietà delle ex scuole: pare infatti che l’uomo ne sia proprietario grazie a un lascito testamentario.

    Poi, a prescindere alla proprietà, ci sarà da effettuare tutti i riscontri del caso sulle “pitturazioni”.

    Con conseguenti, probabili, sanzioni.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

     

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...