spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Equità tariffe mensa scolastica: convenzione per agevolare le famiglie che risiedono nei territori di confine

    Il Comune di Greve in Chianti firma un accordo con il vicino di casa Figline Incisa: sarà attiva a partire da settembre e ne potranno usufruire le famiglie di San Polo in Chianti e Ponte agli Stolli

    GREVE IN CHIANTI – Attivata una convenzione che garantisce equità nelle tariffe della mensa scolastica.

    Il Comune di Greve in Chianti firma un accordo con il vicino di casa, il Comune di Figline e Incisa Valdarno, per uniformare le tariffe del servizio di ristorazione scolastica.

    L’obiettivo della collaborazione, attraverso la sottoscrizione di un’apposita convenzione, è quello di favorire parità di trattamento nel pagamento delle relative tariffe tra residenti e non residenti ed è rivolta in particolare a chi vive nelle frazioni di confine e che, per ragioni di prossimità territoriale, non frequenta le scuole del proprio comune di residenza.

    Nel dettaglio l’accordo siglato riguarda i cittadini di San Polo in Chianti e di Ponte agli Stolli.

    La convenzione sarà attiva a partire da settembre e ne potranno usufruire i genitori degli alunni delle scuole primarie e dell’infanzia. Il documento ha validità per il prossimo triennio scolastico (2020/21, 2021/22 e 2022/23).

    “La logica con la quale abbiamo attivato questa convenzione è quella della reciprocità – spiega il sindaco grevigiano Paolo Sottani – le famiglie che vivono nei territori di confine e che per comodità iscrivono i propri figli nelle scuole del comune diverso da quello di residenza non dovranno più far riferimento alle tariffe non residenti per il servizio di refezione scolastica, avranno infatti un trattamento paritario in termini tariffari”.

    “Un’operazione – rimarca – che vuole rispondere alle esigenze delle famiglie, evitando loro costi aggiuntivi”.

    Semplificare e rendere più agevoli e uniformi le quote delle tariffe.

    “L’intento della collaborazione mira a garantire equità nel pagamento delle mense scolastiche – aggiunge l’assessore alla pubblica istruzione Maria Grazia Esposito  –  per chi vive nelle immediate vicinanze dei nostri confini”.

    La differenza, prima pagata dalle singole famiglie, sarà quindi a carico del Comune di residenza, che all’inizio di ogni anno scolastico riceverà gli elenchi degli iscritti alle scuole da parte del Comune limitrofo, in modo da rendersi consapevoli a vicenda delle cifre da rimborsare all’ente competente.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...