spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 18 Settembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Falegnameria Andreoni distrutta: “Il fuoco di un incendio non può cancellare il fuoco della passione”

    Messaggio di Stefania Andreoni dopo la distruzione del capannone: "Abbiamo reagito subito e con il sostegno di cui necessitiamo troveremo la forza per rialzarci e ripartire"

    MELETO (GREVE IN CHIANTI) – Erano davanti a quel che rimaneva della loro azienda anche nel pomeriggio di ieri, giovedì 22 luglio.

    In quella zona industriale di Meleto, dove sarebbe stato un normale giorno di lavoro, e che dalla notte si è trasformato in un incubo.

    Quello della famiglia Andreoni, che ha visto il proprio capannone distrutto completamente da un incendio.

    # In fiamme una falegnameria nella zona artigianale di Meleto (Greve in Chianti)

    # Meleto, distrutta la Falegnameria Andreoni. I proprietari: “Ma noi non ci arrendiamo” 

    Un dolore profondo, fisico, quello provato di fronte ai sacrifici di una vita andati in fumo. Un dolore che però ha stimolato, fin da subito, la voglia di non arrendersi.

    E a ribadirlo, a chiare lettere, affidando un messaggio ai canali social, è Stefania Andreoni

    Una sorta di messaggio nella bottiglia, lanciato in mezzo a ciascuno di noi. E ognuno di noi potrà fare qualcosa per sostenere questa azienda in un momento così difficile e drammatico.

    Un messaggio che inizia con la citazione di una frase di Eleanor Roosevelt: “Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni”.

    “Nella notte tra il 21 e il 22 luglio – scrive Stefania Andreoni – un incendio ha completamente distrutto il capannone della nostra falegnameria”.

    “Spazzando via – prosegue – in poche ore, tutti i sacrifici e il lavoro per i quali la famiglia Andreoni e i suoi dipendenti si dedicano quotidianamente da oltre 40 anni”.

    “Questo drammatico evento però – puntualizza – non ci ha fermato; abbiamo reagito subito e con il sostegno di cui necessitiamo da parte delle istituzioni, il sindaco di Greve in Chianti e la Regione Toscana, nonché dell’associazione di categoria, la C.N.A., dell’avvocato Pescatori, troveremo la forza per rialzarci e ripartire”.

    “Il fuoco di un incendio – lancia il suo grido – non può fermare il fuoco della passione e dell’entusiasmo per quanto di bello è stato creato nel tempo”.

    “Chiediamo a tutti i nostri clienti di esserci vicini – conclude Stefania – e di supportarci in questo momento difficile di ricostruzione. Noi saremo felici di ricominciare a portare nelle vostre case, nei vostri luoghi, la nostra professionalità e in nostro entusiasmo, ma soprattutto i nostri prodotti”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...