spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Domenica 15 donazione, consegna delle strenne e apericena. Le riflessioni del presidente

    STRADA (GREVE IN CHIANTI) – Domenica 15 dicembre, alle  17.30 presso il circolo Acli Aurora di Strada in Chianti, la sezione Avis stradese consegna una strenna natalizia a tutte le donatrici e donatori.

     

    Alle 19.30 inoltre, auguri a tavola con l'apericena organizzata dalle volontarie. Nella stessa giornata, la amttina, donazione del sangue e del plasma presso il Centro Civico.

     

    "L’anno che sta finendo – dice il presidente Avis Paolo Mariani nella sua relazione di fine anno – ha visto una leggera flessione nel numero di donazioni rispetto al 2012, ma siamo comunque abbastanza soddisfatti. Ci sono state molte cause che hanno portato a questo risultato, ma molte derivano da controlli (apparentemente) più severi che hanno portato alcuni donatori a essere esclusi durante la visita medica. A volte è capitato che alcuni di voi tornassero a casa un po’ amareggiati per non aver potuto donare, ma questo è solo per tutelare la vostra salute: a volte può succedere di non essere in piena forma, l’importante è ripresentarsi il mese successivo per provare nuovamente a donare".

     

    Soddisfacente l'impegno extra-donazioni: "Abbiamo riconfermato il “Premio Rione della Bontà” – scrive Mariani – abbiamo organizzato diverse gite sociali (come richiesto da tanti nostri concittadini) e siamo riusciti ad avere un grande successo con le classiche “Serate Avis in Piazza”. La cosa più importante, però, è stata la grande partecipazione alla nostra Festa Sociale. Lo scorso luglio, per il 38° anniversario di fondazione della nostra Sezione, abbiamo contato 86 labari delle nostre consorelle e di altre associazioni vicine all’Avis".

     

    "I nostri sforzi però – annuncia Mariani – al momento non ci permettono di rimanere tranquilli per il futuro perché le normative che dobbiamo rispettare sono cambiate: dobbiamo programmare dei cambiamenti radicali per evitare che al 31 dicembre 2014 il nostro centro di raccolta sangue chiuda. Le nuove norme sull’accreditamento (termine complicato per indicare che un centro di raccolta risponde a tutti i requisiti richiesti) prevedono che dal 1° gennaio 2015 i prelievi di sangue e plasma possano essere effettuati solo in locali che rispettano determinati requisiti, il primo dei quali è che siano a destinazione sanitaria".

     

    "Ci siamo messi in contatto con i proprietari della casa di riposo di Strada – annuncia – che, per venire incontro alle nostre esigenze, hanno accettato di concederci alcuni spazi per la nostra attività: abbiamo da poco stipulato un contratto di comodato d’uso gratuito che ci consentirà di iniziare le pratiche per l’accreditamento".

     

    "Da parte nostra – conclude Mariani – sarà richiesto un grande impegno, anche economico, ma non vogliamo nemmeno pensare che rischiamo di perdere il centro prelievi a Strada. Chiediamo a tutti voi di starci vicini e supportarci in questo difficile passaggio; da parte nostra ci impegnamo a tenervi informati sull’evolversi della situazione sia con il contatto diretto che tramite il nostro profilo su Facebook".

     

     

     

     

     

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...