spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Questa sera proiezione grevigiana per il film che ha riscosso grandi consensi dappertutto

    GREVE IN CHIANTI – "Sta per piovere" e… il grevigiano Lorenzo Baglioni torna a casa: è un gioco di parole per dire che questa sera, nell'ambito dell'appuntamento al Boito con il cinema di qualità ("E' giovedì, corri al cinema), organizzato da La Tarumba, Radio Chianti, Comune e Boito, si terrà l'attesissima proiezione a Greve in Chianti.

     

    "Sta per piovere", per la regia di Haider Rashid, vede appunto come protagonista principale il (bravissimo) grevigiano Lorenzo Baglioni (proiezione dalle 21.15, saranno presneti entrambi).

     

    "Dove è casa mia? In Italia, dove vivo da quando sono nato, o in quel Paese lontano che non conosco da dove vengono mamma e papà?".

     

    Queste le parole di Said (Baglioni appunto), nome esotico per un caparbio ragazzo di 26 anni che parla toscano ed è nato a Firenze da genitori algerini.

     

    Quando suo padre perde improvvisamente il lavoro, Said si vedrà negato il permesso di soggiorno e sarà costretto insieme al padre e al fratello a "tornare in patria", in Algeria, un posto che lui non ha mai neanche visto.

     

    La sua natura combattente lo spingerà dunque ad appellarsi agli avvocati e alla stampa, nel tentativo di attirare l'attenzione sul problema degli immigrati di seconda generazione, intrappolati nei meandri dall'assurda e anacronistica legislazione italiana.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...