mercoledì 3 Marzo 2021
Altre aree

    Finalmente a tavola. L’emozione al ristorante Diversus: “Guardare negli occhi i nostri clienti”

    Per la prima volta servito anche il sushi (oltre che da asporto). Si replica giovedì, venerdì e sabato (pranzo al tavolo o da asporto, cena da asporto) e domenica a pranzo (al tavolo o da asporto)

    GREVE IN CHIANTI – Finalmente a tavola. Questo è il “leit motiv” della settimana al ristorante Diversus di Greve in Chianti (in piazza Matteotti).

    “Con la regione in zona gialla – ci spiega Francesco, il manager del ristorante – finalmente dopo tanto, tantissimo tempo, possiamo riospitare i nostri clienti in sala”.

    “Vedere la sala pronta e apparecchiata – dice – sentirsi chiamare per le ordinazioni tra i tavoli, servire il vino nei calici e consigliare i migliori abbinamenti in presenza (e non più solo per telefono), è stato emozionante. Difficile da spiegare e da far comprendere”.

    “Noi ristoratori – prosegue – oltre che a voler sempre garantire un servizio ed una qualità del cibo eccelsa, basiamo la nostra vita sulla conversazione, sul guidare i nostri clienti verso le scelte migliori. Consigliarli in base ai singoli gusti personali, per far si che un pranzo o una cena siano un evento perfetto, da ricordare”.

    E’ davvero emozionato Francesco: “Guardare negli occhi la soddisfazione dei clienti, dopo che hanno gustato il frutto del nostro lavoro. Il rapporto umano, diretto con la nostra clientela ci manca come l’aria, è difficile da far capire”.

    “Stavolta, a maggior ragione è stata una prima volta – prosegue Francesco – perché il nostro sushi al tavolo è la prima volta che possiamo servirlo. Una serie di pranzi molto soddisfacenti, ed oltre alla soddisfazione dei clienti lo dimostrano le varie prenotazioni già registrate”.

    “Per questo – annuncia – abbiamo deciso di confermare anche il giovedì per le consegne e per poter sedersi al tavolo a pranzo. Perciò, giovedì, venerdì e sabato a pranzo potrete stare a sedere al tavolo o portare via, la sera solo asporto; la domenica solo a pranzo sia a sedere ai tavoli che da asporto“.

    “Come ogni settimana – ricorda Francesco – anche questa premieremo il vincitore del #sushifotopost. Sono tantissime le foto che sono state pubblicate sui social ed è stato difficile scegliere il vincitore, un ringraziamento particolare a Diletta Carotti, per le foto con Gigio e Romeo; a Yvonne Vignoli (mitici i suoi polli allo spiedo al mercato di Panzano) che ha fatto arrivare il nostro sushi fino a Troghi”.

    E ancora “a Estella Ochoa e Gianrico Becucci, proprietari dell’Agenzia Immobiliare “Studio Beccucci e Bechelli” a Greve in Chianti. A Tiziana Rispolano, Martina Becucci, tutta la famiglia Ermini, Giuliano Palumbo, Sara Abrardi e Johanna Jankoska. Ma la vincitrice di questa settimana è Celeste Failla, per le foto del nostro sushi al tavolo”.

    “In attesa dei video esplicativi – continua Francesco – fatti del nostro sommelier Paolo Mazzoni, per aiutarvi nella scelta dei vini, abbiamo messo la lista completa selezionata da lui sul nostro sito. Sito dove potrete trovare anche il nostro menu nel dettaglio con tutte le varie combinazioni che potete scegliere per il vostro sushi preferito. Come sempre, se volete provare un’alternativa diversa, basta chiedere ed il nostro staff, farà il massimo per potervi accontentare, anche con gli Hosomaki ed i Futomaki di pesce cotto”.

    “Come sempre vi aspettiamo a braccia aperte – conclude Francesco – stavolta con la sala pronta ad accogliervi. Rimane comunque attivo il servizio di consegna a domicilio in tutto il comune di Greve in Chianti, Impruneta, San Casciano, Radda e Figline Valdarno”.

    Clicca e scegli una delle combinazioni: o componi il suo #sushibox

    Info, menu, contatti

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...