spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Oggi viene eseguita l’autopsia dell’uomo morto domenica per una puntura di calabrone

    SAN POLO (GREVE IN CHIANTI) – Verrà eseguita oggi l'autopsia di Claudio Merciai, 60 anni, geometra del Comune di Greve in Chianti, morto drammaticamente domenica 29 settembre in seguito allo shock anafilattico causato dalla puntura di un calabrone.

     

    Se, come è auspicabile, non ci saranno problemi in seguito all'autopsia, la salma verrà restituita ai familiari. Già previsti anche i funerali, per domani (mercoledì 2 ottobre) alle 15 nella chiesa di San Polo in Chianti.

     

    Claudio Merciai era in giardino domenica mattina in località Il Colle, nei pressi del Poggio alla Croce. La puntura e poi lo shock anafilattico: nemmeno l'intervento dell'elisoccorso Pegaso è riuscito a salvarlo. Il suo cuore non ha retto.

     

    Oltre al dolore straziante della famiglia, quello dei tanti amici in Comune: dipendenti con i quali ha diviso una vita di lavoro, gli stessi amministratori. Ci saranno tutti alle esequie, per un ultimo saluto pieno di dolore e di rispetto.

     

    Rispetto che è stato anche quello del consiglio comunale di Greve in Chianti: riunitosi lunedì 30 settembre, è stato infatti deciso di affrontare le sole impellenze inderogabili e di non svolgerlo in segno di rispetto nei confronti di un uomo che ha dato tanto alla comunità grevigiana.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...