spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Furto al Caffè Sant’Anna: ladri scappano con pochi spiccioli. Danni agli infissi

    In piena notte. Il secondo subito in un anno e mezzo dal locale all'ingresso di Greve in Chianti: il racconto

    GREVE IN CHIANTI – Furto con scasso nella notte ai danni del Caffè Sant'Anna, il locale all'ingresso di Greve in Chianti (arrivando dalla direttrice fiorentina).

     

    "Già dall'altro furto subito un anno e mezzo fa – ci raccontano dal bar – avevamo ben imparato la lezione. Portiamo sempre via tutto l'incasso la sera, tanto che in cassa rimangono pochi spiccioli da uno e due euro".

     

    Quindi, alla fine i ladri se la sono data a gambe con un po' di monete in tasca. Ma come spesso accade in questi casi però, è soprattutto il danno (oltre alla rabbia) la parte più consistente con cui fare i conti.

     

    E al Caffè Sant'Anna hanno anche una teoria: "Probabilmente sono personaggi che bazzicano il locale. Lo studiano un po' e fanno un piano grezzo su come agire".

     

    Lo dicono perché, come spiegano, "forse hanno visto che la parte più debole per introdursi poteva essere quella della cucina, dove hanno forzato gli infissi in alluminio con un punteruolo e sono entrati".

     

    Hanno però fatto male… i conti: "In sala – spiegano ancora – abbiamo l'allarme perimetrale, che ha iniziato a suonare. Quindi è sceso mio suocero, mentre loro sono scappati. Pensando di aver chiusa la via di fuga, hanno rotto un'altra finestra per uscire".

     

    Come detto è il secondo furto in un anno e mezzo circa per il Caffè Sant'Anna. Anche il chiosco di fronte è stato oggetto di almeno due furti negli ultimi anni. Con danni molto consistenti.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...