spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Gastronomia GiaBaR: dove gli aperitivi diventano vere e proprie… degustazioni

    "Il nostro modo per ringraziare i produttori di vino per il grande lavoro che svolgono è realizzare piatti e pietanze che accompagnino al meglio i loro prodotti"

    GREVE IN CHIANTI – E’ passata un’altra settimana ricca di lavoro per la Gastronomia GiaBaR a Greve in Chianti.

    I giorni passano, la Pasqua si avvicina e l’accoglienza per gli ospiti nel piccolo mondo di GiaBaR va formandosi sempre più: questa settimana è stato finito il salotto esterno.

    # Formaggi, vini, affettati e… molto altro: a Greve in Chianti, andiamo alla scoperta di Gastronomia GiaBaR

    Cuscini, tavoli e sedie vi aspettano per farvi stare comodi e protetti dal sole, mentre gustate gli unici ed inimitabili aperitivi fatti da Barbara.

    Ed è proprio con la chef, Barbara Jakusconek, che parliamo della filosofia degli aperitivi che al GiaBaR portano avanti.

    “Gli aperitivi o forse meglio definirli le degustazioni – ci dice – devono unire la giovialità dello stare insieme in un momento di relax. Che può essere post lavoro, prima dell’uscita serale, oppure come occasione per una serata alternativa, alla degustazione dei vini e mangiare ottime pietanze”.

    “Partiamo – spiega Barbara – conoscendo il duro lavoro che i produttori dei vini, che noi abbiamo in bottega, fanno per creare prodotti unici e che valorizzino il territorio di provenienza”.

    “Per questo – sottolinea – anche io cerco di preparare delle pietanze il più naturali possibili, che si abbinino perfettamente con i vini, valorizzandone i sentori. Questo è il mio ed il nostro modo per ringraziarli del lavoro svolto”.

    “Preparo piatti o taglieri da mangiare con leggerezza – prosegue – ma che ritengo debbano essere realizzati con prodotti genuini e che si abbinino perfettamente con i vini che vengono serviti”.

    “Ci possono essere chips di patate fatte da me – elenca – chips di cavolo nero, hummus, ceci tostati e tanto altro, tutti preparati con prodotti di origine certa e salutari. Sarebbe meno laborioso e più economico servire prodotti comprati già pronti, ma non è la nostra filosofia”.

    “La cucina è la mia passione – racconta ancora – ed il mio strumento per parlare con i clienti. La nostra filosofia è simile a quella del film… “Ratatouille”. Dove un’esplosione di sapori, ben combinati insieme, creano un matrimonio indimenticabile”.

    “Chi viene da noi deve essere certo di gustare un aperitivo unico – conclude Barbara – una nuova idea di convivialità e di cucina, che punta sempre più a migliorare gli abbinamenti tra vini e cibi salutari e preparati accuratamente, per valorizzare i sapori e regalare ricordi indimenticabili”.

    La Gastronomia GiaBaR, con ingresso da piazza Angelo Vassallo a Greve in Chianti, vi aspetta dal martedì al sabato, dalle 10 alle 15 e dalle 17 alle 21.30. La domenica dalle 12 alle 21.30.

    La prenotazione è consigliata e potete chiamare il numero 0558027904, oppure al mobile 3898863850. Potete mangiare ai tavoli o comprare formaggi, affettati, vini e tanto altro. Da portare a casa.

    Mail: gastronomia.giabar@gmail.com

    Pagina Facebook: www.facebook.com/Gastronomia-Giabar-103832838844634 

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...