spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Luglio 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Geni della matematica a 12 anni. La scuola media di Greve scopre e valorizza i propri talenti

    Letizia Moscadelli, ad esempio, si prepara alla finale dei campionati internazionali di giochi matematici dell'Università Bocconi

    GREVE IN CHIANTI – Bravi e talentuosi non solo nelle materie umanistiche, come la letteratura e le lingue.

    Gli studenti della scuola media di Greve in Chianti abbattono il clichè del genio “letterario”, attribuito alla preparazione didattica degli allievi italiani, e si scoprono piccoli grandi Einstein, versati nello studio e nell’esercizio della matematica.

    Einstein vince su Dante insomma, almeno tra gli studenti grevigiani che hanno partecipato alla ventottesima edizione dei campionati internazionali di giochi matematici dell’Università Bocconi.

    Sono tre gli studenti della scuola secondaria di primo grado di Giovanni da Verrazzano, dell’Istituto comprensivo diretto da Francesca Ortenzi, ad aver scoperto abilità e predisposizioni scientifiche partecipando volontariamente ai giochi matematici indetti dall’Università milanese.

    Un campionato in piena regola aperto a tutte le scuole d’Italia che ha richiamato l’attenzione di 26 ragazzi della media di Greve, su proposta del docente rivolta agli studenti e alle loro famiglie. 

    Le prove sono state suddivise in due categorie, la prima era aperta ai ragazzi di prima e seconda media e categoria, la seconda ai ragazzi di terza media e prima superiore. 

    Nello specifico hanno partecipato 12 ragazzi delle 3 prime, 1 A, 1 B, e 1 C , 4 ragazzi di due seconde  e 10 ragazzi delle terze classi. L’iscrizione è stata effettuata dall’insegnante di matematica e scienze Assunta Licheri.

    I ragazzi hanno preso parte ai giochi on line collegandosi all’apposito portale e hanno avuto un’ora di tempo per rispondere a 8 quesiti logici matematici.

    Hanno superato le selezioni gli studenti Letizia Moscadelli (2 C), Viola Bini (1 B) e Tommaso Masti ( 1 A). Una di loro, Letizia, è giunta in finale e si contenderà il titolo di campionessa insieme ad altri nove studenti provenienti da tutta Italia.

    Ad affiancare e sostenere i ragazzi nella partecipazione ai campionati di matematica l’insegnante Assunta Licheri.

    “Ritengo fondamentale – dichiara la professoressa di matematica – sottolineare il compito che noi insegnanti abbiamo nel cercare di valorizzare le eccellenze e nel motivare i ragazzi all’approccio di una importantissima disciplina, come la matematica, che ritroviamo sempre nella vita di tutti i giorni”.

    “I ragazzi si sono impegnati – prosegue orgogliosa – si sono allenati e preparati con delle simulazioni fornite dal centro Pristem, si sono messi in gioco, ci hanno provato e hanno poi avuto la curiosità di andare a verificare quali fossero le risposte corrette, ed è questo che dobbiamo fare, motivare i ragazzi, incuriosirli e spingerli a trovare risposte”.

    Entusiasti dei risultati conseguiti dagli studenti il sindaco Paolo Sottani e l’assessore alle politiche educative Maria Grazia Esposito.

    “Facciamo il tipo per i nostri studenti con un grosso in bocca al lupo per le selezioni finali che si terranno a settembre – hanno commentato – siamo felici inoltre che l’esperienza educativa che stanno facendo i nostri ragazzi si leghi ad una delle principali università di ricerca e di insegnamento a livello europeo che valorizza le differenze, promuove le parità di opportunità tra le generazioni di studenti in un contesto di reciproco rispetto”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...